Varese, progetto “Una scuola”. Un percorso innovativo e appassionante

07.12.2019 - Anna Polo

Varese, progetto “Una scuola”. Un percorso innovativo e appassionante
(Foto di Thomas Schmid)

Il secondo ciclo di incontri della Moltitudine inarrestabile, dal sottotitolo “Storie dal nuovo mondo” è iniziato venerdì 6 dicembre a Germignaga ospitando gli insegnanti delle classi terze della Scuola IV Novembre di Varese, che hanno presentato il progetto “Una scuola”.

Ispirato al manifesto scritto da due pedagogiste, Francesca Antonacci e Monica Guerra, docenti presso il dipartimento di Scienze umane per la formazione “Riccardo Massa” dell’Università di Milano-Bicocca, il progetto è partito due anni e mezzo fa con un chiaro intento trasformativo e ha coinvolto non solo insegnanti e 62 bambini non divisi in sezioni, ma anche le famiglie e varie realtà del territorio, costituendo una sorta di comunità allargata.

Gli insegnanti si danno il turno per descrivere in modo appassionato e coinvolgente i principi generali a cui si sono ispirati e poi la loro implementazione. Tutti hanno diritto di parola, i bambini devono stare bene a scuola, bisogna eliminare le lezioni frontali e le sovrastrutture secondo cui conta solo la prestazione individuale in favore di un apprendimento attivo e, come adulti, fare un passo indietro per ascoltare i bambini. Apprendere diventa un gioco in cui il movimento e il lavoro di gruppo hanno una grande importanza. Abolendo i voti la valutazione perde il carattere di giudizio per esprimere il percorso fatto e comprende anche l’auto-valutazione fatta dai bambini.

In base a questi principi, ogni mattina si inizia con un’accoglienza e un saluto in cerchio. Gli spazi vengono ristrutturati in tre ambienti –  l’aula delle parole, l’aula scientifica e quella artistica. Invece di un unico libro di testo ce ne sono tanti e i bambini lavorano insieme, in tavolate, spesso aiutandosi a vicenda, costruiscono materiali e tengono una documentazione del lavoro fatto. Le materie non sono divise, ma collegate tra loro e la connessione tra saperi che si produce permette un arricchimento e una maggiore conoscenza. Le uscite nel giardino della scuola, ma anche nel territorio circostante costituiscono un momento importante non solo di gioco, ma anche di apprendimento e di ricerca. Il coinvolgimento dei genitori diventa un momento utile e importante anche per gli insegnanti, che possono avere così un quadro più completo dei bambini a loro affidati.

Risultato? I bambini non vorrebbero mai andare via da scuola e non vedono l’ora di tornarci. Un momento particolarmente toccante arriva durante la serata con il racconto dell’auto-valutazione fatta dai bambini sulla base di due semplici concetti: Prima ero… Ora sono… Una delle insegnanti legge le loro risposte, divertenti, commoventi e profonde, con la capacità di usare un canale poetico che con il passare degli anni molti adulti perdono. I bambini sono consapevoli del percorso fatto, delle difficoltà superate, delle capacità acquisite, dei loro desideri e bisogni. Tutto questo forma un inestimabile bagaglio di auto-stima, di passione per il sapere, di competenze che li aiuterà ad affrontare le inevitabili difficoltà al momento di scontrarsi con realtà diverse, più rigide e tradizionali. Un esempio per tutti: “Ero una briciola, ora sono una fetta di torta”.

Per fare scuola in questo modo è necessario mettersi in gioco e fare dell’incertezza una categoria pedagogica, imparando a gestire l’ansia quando, arrivando a scuola ogni mattina, non si sa cosa succederà. Una scelta impegnativa, una sfida continua; l’entusiasmo e la passione con cui questo compatto gruppo di insegnanti trasmette la sua esperienza non lasciano comunque dubbi sulla grande crescita personale che ognuno di loro sta sperimentando.

Categorie: Educazione, Europa
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort