Sciopero e manifestazioni in Francia contro la riforma delle pensioni

06.12.2019 - Parigi - Rédaction France

Quest'articolo è disponibile anche in: Francese

Sciopero e manifestazioni in Francia contro la riforma delle pensioni

Giovedì 5 dicembre si è svolto in Francia uno sciopero generale nazionale e interprofessionale contro la riforma delle pensioni.

Questa riforma riguarda, tra l’altro: l’aumento dell’età pensionabile; la perdita dell’importo della pensione del 20 per cento per il salario minimo, del 15 per cento per i dipendenti pubblici di sesso femminile, del 23 per cento per i dipendenti privati; la pensione avrà un tetto.

Lo sciopero ha coinvolto vari settori: trasporto pubblico nazionale (treni), trasporto urbano e stradale di passeggeri, merci, fondi, taxi, autisti di ambulanze, trasporto aereo, sindacalisti. L’intero settore pubblico: insegnanti, studenti di ogni ordine, polizia e vigili del fuoco, tutti i professionisti dela giustizia, infermieri, partiti politici.

Il numero di manifestanti in tutta la Francia è stato di 806.000 secondo il Ministero dell’Interno, più di 1.500.000 secondo il sindacato CGT e 1.143.450 secondo il sito di conteggio Le Nombre Jaune. 245 manifestazioni hanno avuto luogo in tutta la Francia. In Francia non c’è stata tanta mobilitazione dal 1995, all’epoca il tema era anche quello dei sistemi pensionistici.

A Parigi, una forza tranquilla ma determinata !

A Parigi, durante questa dimostrazione è successo qualcosa di unico. La mattina presto nella capitale c’era una calma piuttosto insolita. Le strade erano deserte e silenziose. Non c’era alcuna indicazione dell’imminente arrivo in massa dei manifestanti. Verso le 11 del mattino, migliaia di persone hanno camminato lungo le principali arterie della città per convergere sulla Gare de l’Est, punto di partenza del corteo che li avrebbe portati a Place de la Nation.

L’atmosfera era festosa e familiare. Si sentiva il desiderio di incontrarsi e condividere. La maggior parte delle persone voleva condividere, condividere le proprie difficoltà e ascoltare quelle degli altri. Qua e là si sentivano ospedalieri, educatori, ferrovieri, artisti che parlavano del loro disagio. Tutti hanno espresso il desiderio di fare un lavoro migliore, ma hanno sottolineato le difficoltà specifiche del loro lavoro: mancanza di risorse, mancanza di riconoscimento, stipendi insufficienti per vivere con dignità, orari troppo lunghi, ecc. Parlando, la gente provava sollievo perché vedeva di non essere sola. Sono stati ascoltati e compresi.

Nel corso del percorso i manifestanti hanno dovuto affrontare molte difficoltà: una massiccia presenza di CRS (polizia), controlli ripetuti, violenze occasionali, blocchi, ecc. Ma il corteo oggi era più che mai determinato a continuare il suo cammino e a mantenere questo senso di unità e calma fino alla fine. Così, gran parte della manifestazione è riuscita a raggiungere la Place de la Nation in tarda serata.

Un cambio di paradigma è possibile

Alcuni manifestanti stasera sentono di aver fatto progressi. Si sono resi conto che non ci sono forze che realmente si oppongono, ma energie che stanno gradualmente cercando di prendere una direzione. Ad esempio, ascoltando gli scambi spontanei tra i manifestanti, era chiaro che i loro punti di vista e le loro opinioni differivano, ma c’era accordo quando si parlava dell’ingiustizia nel voler cambiare il sistema pensionistico in questo modo.

Inoltre, è stato riferito che c’erano persone che accompagnavano i manifestanti con meditazioni attive. Con il loro intervento queste persone intendono portare calma, discernimento e conforto alle persone in questo processo di presa di coscienza.

Il movimento di approfondimento che si sta costituendo, il cambiamento di paradigma che è iniziato, è il passaggio da una democrazia parlamentare formale, rappresentativa e rappresentativa ad una democrazia reale e partecipativa. Anche la forma della repubblica (dal latino res publica “cosa pubblica”) sta cambiando, si percepisce che l’organizzazione della vita dello stato può essere esercitata anche attraverso la partecipazione diretta della popolazione.

La riforma delle pensioni può essere una scusa, un’occasione per riunirsi e fare la differenza. Un’occasione per rafforzare la solidarietà, l’ascolto, il dialogo e porre fine all’individualismo.

Foto-reportage di Pressenza :

Categorie: Diritti Umani, Europa, Opinioni
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 21.02.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.