Inquinanti e inconcludenti le conferenze sul clima: è ora di fare sul serio

18.12.2019 - Il Cambiamento

Inquinanti e inconcludenti le conferenze sul clima: è ora di fare sul serio

La conferenza sul clima di Madrid, come abbiamo visto, si è chiusa con zero risultati, ennesima farsa degli umani a spese del pianeta e dei loro simili. Lo abbiamo sempre detto: queste conferenze non servono a nulla, se non ad aumentare ancora di più i gas serra a causa degli spostamenti di chi, pagato a peso d’oro dai contribuenti, si fa un bel viaggio e poi se ne torna a casa.

Di sicuro in questi appuntamenti c’è anche una minoranza di persone motivate, ma se non si hanno risultati e si rimanda all’infinito, allora piuttosto si facciano conferenze via skype così da diminuire le emissioni provocate per organizzare queste kermesse ammantate di ufficialità.

Oppure alle prossime conferenze sul clima, i delegati ci vadano in barca a vela, in treno, in monopattino, in bicicletta. Le facciano presso uno qualsiasi dei centri per le tecnologie alternative come il Centre for Alternative Technology che da  “solo” 45 anni mostra chiaramente e praticamente le strada percorribile da tutti per evitare la catastrofe climatica. I partecipanti mangino solo biologico, locale, almeno vegetariano, non alberghino in hotel di lusso energivori e pieni di sprechi. Diano prima loro l’esempio! Fino a quando non lo faranno, la loro credibilità è zero e difatti lo dimostrano costantemente non prendendo alcun impegno concreto.

L’ipocrisia e la nullità dei cosiddetti decisori è ancora più scandalosa se paragonata ad una situazione che si aggrava sempre di più e invece di agire urgentemente, continuano a tergiversare. Ma del resto perché dovrebbero cambiare la situazione se la gran parte di loro sono dei maggiordomi a servizio di multinazionali e banche che non hanno alcuna intenzione di mollare l’osso dei vari business che hanno?

Inutile sperare in soluzioni dall’alto, il misero flop della conferenza di Madrid ne è purtroppo  l’ulteriore esempio; bisogna quindi agire direttamente, non c’è altra strada. Anche gli accorati proclami di Greta Thunberg, bellissimi e sensati, cadono costantemente nel vuoto, così come le oceaniche manifestazioni di giovani. E quando gli interlocutori non ascoltano e non si hanno risultati concreti, è opportuno cambiare strategia e interlocutori.

Quindi ribadiamo che bisogna levare la terra sotto i piedi a chi ci sta portando alla rovina. Bisogna quanto prima e massicciamente spostare tutti i soldi dalle banche tradizionali (che sono le fondamenta e l’impalcatura del sistema insostenibile) e metterli in banche etiche, Mag (cooperative finanziarie etiche regionali di mutua autogestione) o eventualmente anche in banche cooperative che si occupino di iniziative ambientali a livello locale. Dopodiché, presentare una miriade di progetti a sfondo ambientale che utilizzino quei fondi con obiettivi virtuosi.

Basterebbero questi gesti semplici, alla portata di tutti, per frenare il meccanismo distruttivo e per costruire il vero mondo nuovo. Agiamo ora, non aspettiamo più niente e nessuno, tantomeno la prossima ennesima fallimentare conferenza sul clima, perché già ora è tardi.

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Europa, Opinioni
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort