Kenya: continua con successo la sperimentazione del reddito di base

30.11.2019 - Sandro Gobetti

Kenya: continua con successo la sperimentazione del reddito di base

2280 scellini, equivalente a 20 euro, questa è la somma che ogni abitante di Magawa, nell’estremo ovest del Kenya, riceve all’inizio del mese. Jennifer Owuor Ogola, “circa 70 anni”, attende con impazienza questo trasferimento sul suo account mobile Mpesa. ” Il giorno in cui ricevo i soldi, corro al mercato la mattina presto!  Ride, brandendo il suo piccolo cellulare, questa nonna con andatura dolorosa, attraversa una delle strade sterrate che collegano le case del villaggio. Grazie alla sperimentazione del reddito di base, dalla fine del 2016, compra regolarmente pesce e carne, ha costruito una cucina e l’acqua ora arriva fin dentro casa sua.

Magawa dista solo un’ora e mezza in auto da Kisumu, la terza città più grande del paese, ma il villaggio è isolato in mezzo a una fitta vegetazione. Il lavoro è una cosa rara. Le uniche opportunità sono piccoli lavori occasionali, specialmente nelle costruzioni. Questo è uno dei primi villaggi che l’organizzazione non governativa Give Directly ha scelto per avviare il programma sperimentale di un reddito di base incondizionato in Kenya, e ora è stato esteso ad altri paesi africani come il Ruanda, la Repubblica Democratica del Congo (RDC) e la Liberia. La ONG americana, finanziata in particolare dalla Open Society Initiative del finanziere-filantropo George Soros e dalla rete Omidyar del fondatore di eBay Pierre Omidyar, difende il concetto di “aiuto diretto” per combattere la povertà. Il suo rapporto è pragmatico: 700 milioni di persone nel mondo vivono in condizioni di estrema povertà: “Crediamo che il “denaro” è l’opzione migliore: è semplice, efficiente e immediato”, dice Caroline Teti, responsabile relazioni con la stampa dell’ufficio Give Directly Kenya.

Il programma, con un costo totale di 28 milioni di dollari americani, si basa su tre principi: questo reddito è universale e quindi disponibile per tutti in ogni villaggio che partecipa alla sperimentazione; è incondizionato, vale a dire senza alcuna contropartita di accesso o di obblighi da parte del beneficiario; e garantito per un periodo di tempo. A Magawa, come in altri 44 villaggi per un totale di 5.000 persone, sarà erogato per dodici anni.

Si tratto di 0,75 centesimi di dollaro al giorno, che è il consumo medio di un adulto keniota che vive nelle aree rurali, secondo i dati del governo keniota e della Banca mondiale. “È un reddito di base. Soddisfa solo le esigenze di base”, continua Caroline Teti, “Qui, quando il tuo reddito è molto basso, quel pò di denaro che guadagni lo spendi in cibo, vai a letto la sera e il giorno dopo dovrai ricominciare da capo. E se non ci sono soldi, vai a letto affamato. Il reddito di base invece offre l’opportunità di pianificare le spese.”

A Magawa, la gente del posto riferisce che questo trasferimento mensile li aiuta a pagare le spese e le bollette quotidiane, come le tasse scolastiche dei bambini, che è un onere per le famiglie keniote. Ma questi soldi sono principalmente usati per gli investimenti. Jackline Okotch Osodo ha già acquistato quattro capre. I suoi occhi si spalancano quando evoca la mucca che intende comprare presto vendendo le piccole capre che sono nate da poco. “Una mucca mi costerà 10.000 scellini, ma mi porterà molti soldi, perché mi darà latte e anche piccoli, che sarò in grado di vendere”, spiega questa madre di tre figli, impegnata a preparare il sukuma wiki , un piatto popolare a base di cavolo.

Un investimento tangibile e un segno di prosperità, il bestiame è in cima alla lista degli investimenti. Un’altra spesa è quella destinata a migliorare le case. Il reddito di base è utilizzato per scambiare terra secca per cemento, rifare un tetto, aggiungere una seconda stanza o realizzare una cucina. Norah Auma Opino, dice di aver acquistato  due nuove panche, accuratamente protette da un tessuto ricamato, che decorano il suo salotto. “Ora i visitatori hanno un posto dove sedersi”, insiste. La vita continua, ma con “meno stress”, dice Joseph Odhiambo Odwogo. “Perché so che alla fine del mese, c’è qualcosa. Anche che la mia salute è migliorata, perché prima dovevo produrre carbone: a volte ero ferito, esposto al fumo e al calore”, aggiunge, tenendo d’occhio le sue mucche che pascolano. La fine del programma, afferma sua moglie Joyce, non è fonte di ansia. “Sappiamo che dopo dodici anni sarà finita. Ma a quel punto avremo comprato più bestiame e sappiamo che la nostra vita sarà migliorata. 

L’idea di Give Directly tuttavia ha creato qualche dubbio. “Sapevo che mi avrebbe aiutato. Ma qui, la gente pensa che i soldi ricevuti senza aver lavorato siano cattivi soldi. Quando Give Directly è arrivato, ci sono state voci secondo le quali vorrebbero prendere i nostri figli”, afferma Jackline. Solo un residente di Magawa ha rifiutato di far parte del programma. Secondo l’ONG, il tasso di rifiuto è del 3%, ma può aumentare al 40% in alcuni villaggi.

Give Directly è anche consapevole delle critiche esistenti sul reddito universale e sono convinti che aumentare gli studi e le sperimentazioni possa alimentare il dibattito che sta emergendo a livello globale. Per questo motivo, il programma in Kenya include anche una componente di ricerca, affidata a un team indipendente. “Nessuno studio è stato fatto per così tanto tempo. Inoltre, i dati sono particolarmente carenti in Africa. Ma è qui che incontriamo la povertà più estrema”, osserva Caroline Teti. Questi dati, dice, serviranno a informare di più anche i decisori politici e le organizzazioni che combattono la povertà.

Tratto da BIN Italia

Categorie: Africa, Diritti Umani, Economia
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 09.12.19

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.