Evo Morales indice nuove elezioni

10.11.2019 - Agencia Boliviana de Información - ABI

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Francese, Portoghese

Evo Morales indice nuove elezioni
Il presidente Evo Morales in una conferenza stampa nell'hangar presidenziale di El Alto, La Paz (Foto di Enzo De Luca/ABI)

Il presidente Evo Morales ha indetto domenica nuove elezioni generali in Bolivia e ha annunciato il rinnovo del Tribunale Elettorale Supremo (TSE), a seguito del rapporto dell’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) che ha condotto una verifica completa del processo elettorale del 20 ottobre.

“Ho deciso di indire nuove elezioni nazionali in modo che il popolo boliviano possa eleggere democraticamente le nuove autorità attraverso il voto, incorporando nuovi attori politici”, ha detto in una conferenza stampa nell’hangar presidenziale.

Ha inoltre indicato che nelle ore successive l’Assemblea legislativa plurinazionale, d’intesa con tutte le forze politiche, stabilirà le procedure per il rinnovo di tutti i membri del Tribunale elettorale supremo.

La conferenza del Presidente segue la pubblicazione della relazione preliminare dell’OSA, secondo cui “tenendo conto delle proiezioni statistiche, è possibile che il candidato Morales sia arrivato primo e il candidato Carlos Mesa, della Comunità dei cittadini, secondo.

Il Movimento verso il socialismo (MAS) ha vinto le elezioni con il 47,8% dei voti e ha ottenuto una differenza di 10,57 punti rispetto al candidato arrivato secondo, Carlos Mesa. Quest’ultimo ha contestato il risultato e promosso mobilitazioni che hanno portato ad atti razzisti e violenti contro donne e indigeni, oltre all’incendio di istituzioni pubbliche e alla distruzione delle proprietà private di alcune autorità.

“La Bolivia sta vivendo momenti di conflitto con il rischio di gravi scontri tra boliviani. Come Presidente, la mia missione principale è proteggere la vita, preservare la pace, la giustizia sociale, la stabilità economica e l’unità dell’intera famiglia boliviana”, ha detto Morales.

In questo contesto, il Capo dello Stato, accompagnato dai rappresentanti delle organizzazioni sociali, ha esortato il popolo boliviano ad “abbassare tutte le tensioni” registrate nel paese con la mobilitazione di gruppi violenti convocati dagli oppositori e dei gruppi di cittadini con lo slogan di una presunta difesa della democrazia.

“Tutti noi abbiamo l’obbligo di pacificare la Bolivia. Invito al rispetto tra famiglie, al rispetto della proprietà privata, al rispetto delle autorità, al rispetto per tutti i settori sociali”, ha esortato.

Il giorno precedente il presidente Evo Morales aveva denunciato davanti alla comunità internazionale il tentato colpo di stato fascista, con atti di violenza da parte di gruppi irregolari, che hanno incendiato le case delle autorità dipartimentali di Chuquisaca e Oruro e la proprietà di sua sorella Esther.

Gli atti di vandalismo sono stati sistematicamente compiuti nelle ultime tre settimane da gruppi violenti di oppositori, causando inquietudine in diverse regioni del paese con la richiesta di dimissioni del Presidente, nel contesto di un tentativo golpista denunciato dal governo a livello internazionale.

 

 

Categorie: Politica, Sud America
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.