Che succede in Bolivia?

08.11.2019 - Sin Permiso

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Che succede in Bolivia?
La Bolivia sta attraversando una crisi politica, dove il governo denuncia il colpo di Stato e l’opposizione denuncia la frode elettorale. Il trionfo di Evo Morales al primo turno con un margine risicato ha dato luogo a massicce proteste dell’opposizione e contro-marce del partito al potere, con scontri per le strade di diverse città del paese.

Le elezioni presidenziali del 20 ottobre hanno fatto precipitare la Bolivia in una crisi politica. In quel giorno, il Presidente Evo Morales ha cercato di ottenere un quarto mandato nella sfida elettorale più aperta dal suo arrivo al Palacio Quemado nel gennaio 2006, con il 54% dei voti. Da allora, il “primo presidente indigeno” ha trionfato, elezione dopo elezione, con oltre il 60% dei voti e distanze enormi dai suoi oppositori, e si è collegato con la Bolivia indigena e popolare come non aveva mai fatto nessuno dei suoi predecessori. Ma questa volta la situazione era diversa: per la prima volta c’era la possibilità concreta di un secondo turno. Per evitarlo, Morales doveva ottenere più del 50% dei voti oppure oltre il 40% ma con dieci punti di differenza rispetto al secondo.

La notte del 20 ottobre si è conclusa con il ballottaggio come probabile risultato: la trasmissione dei risultati elettorali preliminari (TREP) si è interrotta quando il conteggio ha raggiunto l’83% dei seggi e la differenza era di sette punti. Il sondaggio d’uscita di Viaciencia, l’unica agenzia autorizzata, ha dato risultati simili. Il giorno successivo, quando il TREP è stato completato, è stata annunciata una stretta vittoria al primo turno per Morales. Queste cifre sono state confermate giorni dopo dal conteggio ufficiale, che è culminato con Morales che ha ottenuto il 47,08% e Carlos Mesa, il 36,51%; cioè, una differenza di 10,54 punti percentuali, 0,57 sopra il necessario per vincere al primo turno.

Cos’e’ successo dopo? Da un lato, l’opposizione era pronta a denunciare la frode elettorale se non fosse uscito il ballottaggio. Ma la sospensione del TREP e l’aumento significativo della percentuale di Morales, insieme allo scarso margine per raggiungere la formula “40 più 10”, hanno contribuito al fatto che, in un clima di forte polarizzazione, metà della Bolivia era convinta che ci fosse stata un’alterazione dei risultati, anche se era possibile verificarla rivedendo lo spoglio seggio per seggio (sono su Internet), e che il presidente stesse cercando di rimanere al potere ad ogni costo.

Il fatto che un conteggio rapido come il TREP non raggiunga il 100% non è necessariamente motivo di allarme. Ma, come ha dimostrato il giornalista Fernando Molina, in questo caso il Tribunale Elettorale Supremo (TSE) e il governo hanno dato almeno quattro diverse spiegazioni per giustificare la sospensione del conteggio: che non volevano che il conteggio rapido si sovrapponesse a quello ufficiale – che iniziava già a quell’ora -; che c’era un allarme di attacco informatico e si doveva fermare per sicurezza; che si interrompe sempre all’80% circa; che il 17% dei seggi non erano ancora inclusi nel conteggio perché probabilmente provenienti da regioni molto remote e prive di internet per mandare le foto corrispondenti.

A peggiorare le cose, il vicepresidente del TSE Antonio Costas si è dimesso, indicando di non essere stato consultato o informato sull’ordine di tagliare il TREP e ha dichiarato che “non è stata una buona decisione”. Le sue dimissioni erano enigmatiche: ha detto di averlo fatto per una questione di principio, ma che non c’era stata alcuna alterazione dei risultati. Allo stesso tempo, il governo ha accusato l’opposizione “razzista” di voler togliere visibilità al voto rurale, che avrebbe spiegato il salto del candidato del Movimento al Socialismo (MAS) nell’ultimo tratto del conteggio.

Al di là della “sofisticata” discussione sullo scrutinio – il governo ha proposto un audit dell’Organizzazione degli Stati Americani (OAS) – ci sono tre problemi di fondo dietro una crisi che sta causando una profonda spaccatura tra la Bolivia rurale e quella urbana, anche con scontri fisici.

– Evo Morales è giunto a queste elezioni con la sua legittimità erosa dalla sconfitta nel referendum del 21 febbraio 2016 (21F), quando la sua proposta di modifica costituzionale per consentire la rielezione a tempo indeterminato ha perso con uno scarso margine. Dopo questa battuta d’arresto, il partito al potere ha passato mesi a valutare “altre vie” per la rielezione e l’ha trovata attraverso una sentenza della Corte costituzionale plurinazionale. Ecco perché ora la denuncia della frode – che deve essere provata – si confonde con la denuncia dell'”illegittimità” di Morales di candidarsi, e questo genera un groviglio difficile da sciogliere. Per “cancellare” il più possibile i risultati del referendum, il presidente boliviano aveva bisogno di una clamorosa vittoria. Ma anche se ha avuto un vantaggio su Mesa, ha appena superato la barriera magica dei dieci punti di differenza per evitare un ballottaggio in cui poteva anche perdere. In altre parole, questo risultato non solo non ha fatto dimenticare il 21F, ma al contratio l’ha riportato all’attualità in modo esplosivo.

– Il MAS non riesce a incorporare nel suo immaginario la possibilità di uscire dal potere senza pensarlo come una catastrofe. Evo Morales non abbandonò mai facilmente le cariche che occupava: fu l’unico deputato del MAS che ebbe la possibilità di rielezione a tempo indefinito e dopo aver vinto la Presidenza rimase al vertice della Federazione Speciale dei Lavoratori Contadini del Tropico di Cochabamba (l’organizzazione madre dei coltivatori di coca). In questo senso, nonostante il discorso del partito al potere,  Morales non fu mai “solo un altro contadino”. E più recentemente, la sua immagine è stata addirittura costruita come quella di un leader eccezionale (“C’è solo un Fidel, un Gandhi, un Mandela e un Evo”, ha detto l’ormai ex cancelliere David Choquehuanca). Questo, aggiunto a un’idea classica di rivoluzione, sebbene costruita in un quadro democratico, ostacola il concetto dell’alternanza democratica, con il MAS come asse potenziale di un’opposizione, che in caso di sconfitta combatte contro ogni tentativo di indebolire le indubbie conquiste sociali, materiali e simboliche di questi 14 anni di “Rivoluzione Democratica e Culturale”. La democrazia seguirebbe così la metafora del tram, in cui qualcuno sale, arriva a destinazione (lo Stato) e poi scende.

– All’interno di un’opposizione generalmente democratica (lo stesso Mesa è un moderato di centro) e oggi più numerosa che in passato, appaiono gruppi radicali con discorsi di rivincita, razzisti e violenti. La comparsa di figure discusse del passato, come l’ex ministro Carlos Sánchez Berzaín, latitante negli Stati Uniti per la sua responsabilità nel massacro di civili durante la guerra del gas, non aiuta l’opposizione e rafforza il discorso del partito di governo contro un “ritorno al passato”. La decisione del nuovo Comitato per la difesa della democrazia (Conade), che riunisce le principali forze dell’opposizione, di respingere l’audit internazionale e lottare per l’annullamento delle elezioni può anche contribuire a radicalizzare la situazione, forse con poche possibilità di vittoria dell’opposizione. (Stranamente, la Bolivia è l’unico paese della regione in cui il segretario generale dell’OAS Luis Almagro è visto da molti come un “populista”, quasi chavista, per aver appoggiato la nomina di Morales).

In questo quadro, la Bolivia può avanzare verso una versione soft di quanto accaduto in Venezuela: una situazione in cui il governo si impone, ma con forti deficit di legittimità, nel quadro di una reciproca ignoranza tra governo e opposizione e con una radicalizzazione di quest’ultima. Tuttavia, come ha scritto Fernando Molina, è vero che il livello di violenza in Bolivia è molto più basso, non c’è crisi economica (al contrario, la macroeconomia è uno dei punti di forza di Morales) e la classe politica è più pragmatica e meno ideologica di quella venezuelana.

Tuttavia, vi è il rischio di un’ulteriore polarizzazione e di scontri di strada tra sostenitori del governo e oppositori, nonché di un uso eccessivo da parte dello Stato dei movimenti sociali come forza d’urto contro i manifestanti; infatti, molte persone sono già state ferite. Morales ha risposto con la stessa espressione che Lenín Moreno o Sebastián Piñera – golpe, destabilizzazione – ha chiamato Mesa “delinquente”, ha accusato i giovani di protestare per denaro o per buone “note” (un presunto e non dimostrato beneficio degli studenti universitari per andare alle marce) e ha portato il suo discorso verso la dicotomia “Patria o morte”. Tutto questo avviene dopo una campagna elettorale centrata sullo Stato, in cui i movimenti sociali, senza l’epopea di un tempo, si sono limitati a seguire le iniziative tracciate dall’apparato statale, con la loro inerzia e le tradizionali forme di conservazione del potere. L’opposizione, da parte sua, respinge l’audit e chiede la “radicalizzazione” dei blocchi e degli scioperi nelle città per “soffocare lo Stato” (infatti, alcuni seggi locali del tribunale elettorale sono già stati bruciati).

È significativo che dei referenti come l’argentino Juan Grabois sostengono che si deve scartare qualsiasi osservazione sulle elezioni in nome della “stabilità sudamericana” (una figura curiosa nella penna di un leader sociale). Questa è l’altra faccia della medaglia di coloro che hanno cominciato a denunciare le frodi prima che iniziassero a contare i voti. La verità è che Morales ha avuto livelli di legittimità molto elevati durante i suoi 14 anni di governo (al punto di vincere nel 2014 nella regione di Santa Cruz) e che la sua erosione è in gran parte dovuta alla decisione di non rispettare i risultati di un referendum.

Questa è senza dubbio una cattiva notizia, in un contesto in cui la crisi dell'”oasi” cilena (con la sua ineguale combinazione di colonizzazione mercantile di tutte le dimensioni della vita sociale e gerarchie di lunga data) e il trionfo del Frente de Todos in Argentina sembrano dare una nuova possibilità ai progressisti latinoamericani.

  Di Pablo Stefanoni

Categorie: Opinioni, Politica, Sud America
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 20.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.