Iraq, più di 300 morti. Solidarietà alla popolazione e alla gioventù irachene e libanesi

30.10.2019 - Co-mai Comunità del Mondo Arabo in Italia

Iraq, più di 300 morti. Solidarietà alla popolazione e alla gioventù irachene e libanesi
(Foto di www.youtube.com)

Le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e le comunità arabe e musulmane aderenti esprimono solidarietà alla popolazione e alla gioventù irachena e libanese che da settimane stanno chiedendo più  democrazia, libertà e politiche a favore dell’occupazione e dell’economia in crisi, causa del caro vita e delle difficoltà per tutte le famiglie, inclusi i giovani che non credono più alle promesse fatte da anni senza che si concretizzi nessuna proposta a favore della società civile e del loro futuro.

Ci sono più di 300 morti in Iraq, migliaia di feriti gravi e morti per le strade, come ci riferiscono i nostri medici locali in Iraq che seguono la situazione giorno per giorno, e sono ancora in corso le manifestazioni, dichiara il Fondatore di Amsi e Co-mai Foad Aodi che è anche in costante contatto con le comunità arabe, libanesi e irachene in Italia. Esprimiamo la solidarietà e il sostegno delle nostre associazioni a tutti i libanesi e gli iracheni in italia che soffrono per i loro paesi, così come soffrono i siriani, i libici, gli yemeniti, i somali, i sudanesi, i palestinesi, gli egiziani, gli algerini, i tunisini e tutti gli arabi e i musulmani italiani per le guerre e gli scontri irrisolti e dimenticati nei nostri paesi.

Ormai la maggior parte delle  nostre popolazioni e della nostra gioventù vive una grande difficoltà economica a causa delle crisi, delle corruzioni e delle divisioni  politiche e religiose – continua Aodi, che si appella a tutte le comunità e associazioni arabe e musulmane in Italia e in Europa al fine di essere più uniti e sostenere  le richieste legittime dei giovani e della società civile, lasciando da parte  ciò che divide per l’interesse comune e la democrazia, la libertà di espressione, l’economia, l’autodeterminazione dei nostri paesi senza intromissioni da parte di paesi stranieri.

La prima primavera araba ha fallito e ha creato disastri e sogni, non ripetiamo gli stessi sbagli, la gente e i giovani vanno ascoltati, e vanno rispettati i diritti umani e indette elezioni libere e democratiche – conclude Aodi, che ringrazia ancora una volta Papa Francesco per la sua voce unica e umana, annunciando l’adesione delle Co-mai all’Appello di Papa Francesco per ascoltare il grido dell’Iraq.

Ufficio Stampa Amsi e Co-mai

 

Categorie: Comunicati Stampa, Medio Oriente, Pace e Disarmo
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.