Facebook chiude decine di pagine pro-kurdistan

16.10.2019 - Potere Al Popolo

Facebook chiude decine di pagine pro-kurdistan

La guerra arriva anche sui social e Zuckerberg aiuta Erdogan.

Stamattina ci siamo svegliati con l’ennesima conferma: Facebook ha nascosto le pagine di Ya Basta Êdî Bese, Globalproject.info e Contropiano.org, pagine che in questi giorni stavano denunciando il violento attacco della Turchia verso le popolazioni del Nord della Siria. La motivazione? I contenuti  violerebbero gli “standard di comunità”, perché istigherebbero all’odio.

Nei giorni scorsi altre pagine che pubblicano costantemente post e immagini in solidarietà e a sostegno della resistenza del popolo kurdo sono state oscurate: Instagram ha bloccato il reporter Michele Lapini, per una foto scattata durante il corteo di Bologna in solidarietà con il popolo curdo; Facebook ha oscurato la pagina Binxet – Sotto il Confine, il documentario di Luigi D’Alife che racconta la resistenza del Rojava e le responsabilità dell’Europa nelle atrocità del confine turco-siriano con la voce narrante di Elio Germano); chiuse anche molte pagine della Rete Kurdistan e del centro culturale Ararat, per non parlare delle decine di pagine pro-kurdi che sono state bloccate nei mesi scorsi, come quella di Davide Grasso, che ha combattuto al fianco delle YPG, oppure quella della campagna Rojava Calling. La guerra è arrivata anche sui social network, e grazie a Zuckerberg la sta vincendo Erdogan.

Voglia o non voglia, con la chiusura delle pagine pro-kurdistan Facebook sta sostenendo e supportando il massacro del popolo kurdo da parte del regime di Erdogan. Tutto questo in nome di un astratto politically correct deciso arbitrariamente da una multinazionale che condanna e oscura tutte le voci di opposizione all’attacco turco. Perché non è concesso, durante una guerra di aggressione, diffondere contenuti che informano sullo stato di salute del popolo aggredito? Perché si decide di classificare come “odio” contenuti e immagini che condannano una potenza che vuole attuare una vera e propria pulizia etnica nei confronti di un altro popolo? Perché si può scegliere arbitrariamente che supportare il popolo kurdo vuol dire supportare “terroristi”?
La potenza turca, che sta ridando forza e vitalità all’ISIS, non deve essere censurata?

I social network sono ormai l’infrastruttura dell’informazione del XXI secolo, perché un algoritmo deciso arbitrariamente da una multinazionale privata può decidere cosa è giusto o meno difendere e supportare?

La censura verso le pagine pro-kurdi fa schifo e come Potere al Popolo! continueremo a diffondere le notizie relative al conflitto e a supportare la resistenza delle popolazioni del Rojava, nonostante il forte di rischio di vedere anche la nostra pagina oscurata dal -per niente imparziale- algoritmo del social network. La guerra oggi si combatte anche attraverso i media e i social network, e noi non siamo disposti a tirarci indietro. 

 

 

Categorie: Comunicati Stampa, Cultura e Media, Europa
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.