Trump attacca Biden e Warren sorride

26.09.2019 - Domenico Maceri

Trump attacca Biden e Warren sorride

Donald Trump ha chiesto un favore al presidente ucraino Volodimir Zelenskij. Il 45esimo presidente, nella telefonata del 25 luglio 2019, ha pregato il presidente ucraino di riaprire l’inchiesta di corruzione su Joe Biden e suo figlio Hunter. Il figlio dell’ex vicepresidente aveva fatto parte del consiglio di amministrazione della Burisma Holdings, un’azienda di petrolio e gas ucraina. Trump ha anche suggerito al suo omologo ucraino di mettersi in contatto con il ministro di Giustizia americano William Barr per andare a fondo e scoprire tutti i dettagli delle presunte malefatte dei Biden. Tutto ovviamente per danneggiare l’ex vicepresidente che Trump aveva identificato come il suo avversario all’elezione presidenziale del 2020.

Trump ha sbagliato non solamente per il fatto che la richiesta a Zelenskij ha scatenato l’inchiesta democratica di impeachment. Lo sbaglio più importante consiste del fatto che Biden potrebbe benissimo non vincere la nomination del suo partito. Due recentissimi sondaggi infatti mettono in serio dubbio la prima posizione di Biden fra i candidati alla nomination democratica.

Il primo di questi sondaggi, condotto dal Des Moines Register, Cnn, e Mediacom piazza Elizabeth Warren al primo posto in Iowa con il 22 percento dei consensi, Biden 20 percento, e Bernie Sanders 11 percento. Il secondo sondaggio che vede la Warren al primo posto è stato condotto per la California dal UC Berkeley Institute of Government Studies su richiesta del Los Angeles Times. Warren riceve il 29 percento, Biden 20, Sanders 19. Persino Kamala Harris, senatrice del Golden State, che gioca dunque in casa, riceve solo l’8 percento. Al livello nazionale la Warren continua la sua ascesa ma Biden rimane in prima posizione anche se in un recentissimo sondaggio della Quinnipiac University la senatrice del Massachusetts lo supera di due punti (27 a 25 percento). La situazione in Iowa e California però dovrebbe creare serie preoccupazioni a Biden alle quali si aggiungono gli attacchi fasulli di Trump sulla corruzione in Ucraina.

L’Iowa e la California sono due Stati importanti ma per diverse ragioni. Il primo perché terrà nel mese di febbraio la primaria iniziale, riflettendo in questo senso la tradizione. Il secondo perché come stato-nazione (40 milioni di abitanti, 495 delegati su un totale di 4.532) il Golden State ha un’influenza notevole nel Paese anche perché le primarie democratiche si terranno a marzo invece del mese di giugno quando la decisione sulla nomination democratica era in grande misura già stata fatta dagli altri stati.

I dettagli su questi due sondaggi dovranno lanciare un campanello d’allarme a Biden. Nel sondaggio dell’Iowa, la Warren riceve un indici di gradimento del 75 percento ed è vista come la prima scelta dal 71 percento. La Warren genera entusiasmo per 32 percento dei consensi mentre Biden raggiunge solo il 22 percento. L’entusiasmo degli elettori a livello nazionale ricalca quello del sondaggio in Iowa. Il folto numero di pubblico ai recenti comizi della Warren ne dà un’indicazione (20.000 a New York, 15.000 a Seattle, 12.000 a St. Paul, nel Minnesota). Questo entusiasmo per la senatrice del Massachusetts rivela anche forze intangibili ma si tradurrà in volontari che andranno porta a porta a spargere il programma della Warren.

Biden si trova ancora avanti per quanto riguarda l’eleggibilità. Un altro sondaggio della Fox News ci informa che in uno scontro diretto fra Biden e Trump, l’ex vicepresidente prevale di 14 punti. Anche la Warren prevale su Trump in questo scontro ma il suo margine è di 6 punti.

Biden continua però a beneficiare dai suoi legami con Barack Obama. Gli afro-americani nei sondaggi sull’Iowa e la California lo riflettono. Ma la Warren è definitivamente in ascesa. Una sua possibile vittoria in Iowa aprirebbe le porte a quelle di altri piccoli Stati nel mese di febbraio a servirebbe di spinta in quella importante del South Carolina alla fine del mese. Il 3 marzo si arriverebbe al Super Tuesday con le primarie in 12 Stati, incluso la California.

La forza di Biden si trova nell’ala centrista del Partito Democratico mentre quella della Warren in quella di sinistra. Con il calo di Bernie Sanders, l’altro pilastro dell’ala sinistra, la Warren ne beneficerà, ereditando poco a poco i seguaci del senatore del Vermont. Riflettendo i principi della sinistra del Partito Democratico, la Warren è stata fra i primi a dichiarare il suo supporto per l’impeachment di Trump subito dopo la pubblicazione del rapporto di Robert Mueller sull’indagine del Russiagate. Con l’annuncio della telefonata di Trump al presidente ucraino Warren ha persino attaccato i vertici del suo partito per non agire immediatamente sull’impeachment.

L’attacco di Trump a Biden con la sua richiesta agli ucraini di investigarlo ha causato un auto sgambetto all’attuale inquilino della Casa Bianca. L’ex vice presidente e il figlio non hanno fatto nulla di illegale secondo analisi affidabili. Ciononostante, la frecciata di Trump, oltre a convincere la riluttante Nancy Pelosi, speaker della Camera, a lanciare l’inchiesta di impeachment, ha beneficiato la Warren che continua ad apparire intoccabile. Fino a quando non diventerà la chiara prima della classe per la nomination democratica. A quel punto il 45esimo presidente scoccherà le sue frecce velenose alla senatrice del Massachusetts. Si vedrà allora se lei ha capito gli sbagli fatti da Hillary Clinton, la quale nonostante avere vinto il voto popolare, ha ceduto la Casa Bianca a Trump a causa dell’Electoral College.

Categorie: Nord America, Politica
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 13.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.