La collaborazione tra Grecia e Italia nel Mediterraneo e la valorizzazione della blue-economy

23.09.2019 - Domenico Letizia

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

La collaborazione tra Grecia e Italia nel Mediterraneo e la valorizzazione della blue-economy
(Foto di Camera di Commercio greca)

Italia, Regno Unito, Spagna, Francia e Grecia sono le cinque più grandi economie blu d’Europa. Il settore ha generato 174 miliardi di euro di valore aggiunto e creato 3,5 milioni di posti di lavoro in tutta Europa.

Particolarmente interessante è l’analisi delle opportunità tra Grecia e Italia. Ad elencare i dati della collaborazione italo greca è stato Peter Doukas, responsabile della International Chambers of Commerce-Hellenic (ICC), che in una recente intervista ha dichiarato:  “Italia e Grecia sono entrambi paesi legati al mare e al patrimonio idrico. Abbiamo il dovere di sviluppare le nostre capacità, intensificando il lavoro che dobbiamo svolgere insieme, in tema di acquacultura, gestione e organizzazione della attività legate alla pesca, sviluppare e incentivare il turismo costiero, intensificare la ricerca scientifica in tema di biotecnologia e biologia marina, collaborare alla ricerca in tema di energia degli oceani, studio e monitoraggio dei fondali marini, sviluppare ricerca scientifica e industriale in tema di mare e di estrazione marina, pianificazione e organizzazione dello spazio marino al fine di  garantire una gestione efficiente e sostenibile delle attività in mare,  della sorveglianza integrata del mare e fornire alle autorità un quadro preciso di ciò che sta accadendo nel nostro bacino comune, avanzare proposte in materia, monitorare e sostenere le iniziative del Consiglio Adriatico e Ionico e sostenere la strategia elaborata dall’Unione Europea per la regione adriatica e ionica (EUSAIR)”.

A livello nazionale, il contributo dell’economia blu al PIL nazionale supera la media UE in diversi Stati membri, tra cui la Grecia, dove il contributo del settore per l’anno 2016 è stato equivalente al 4,7% del valore aggiunto lordo (VAL) del Paese. Nel caso greco, l’Economia Blu impiega oltre 333.500 persone e genera circa 7.2 miliardi di euro ed è principalmente dominata dal settore del turismo costiero, che rappresenta il 76% del totale dei posti di lavoro legati all’economia blu (secondo i dati per l’anno 2016) e dal trasporto marittimo.

In generale, osservando l’evoluzione dei dati, si può notare che l’Economia Blu ha avuto un significativo impatto positivo sul PIL e sull’occupazione della Grecia.

Ulteriori dati che confermano l’importanza di tale approccio in tutto il Mediterraneo sono stati elaborati dal Think Tank “Imprese del Sud”:  “La cosiddetta “economia blu” impiega 5,4 milioni di persone e genera un valore aggiunto lordo di quasi 500 miliardi di euro l’anno, ma alcuni settori presentano ulteriori margini di crescita”.

La crescita blu è la strategia a lungo termine per sostenere una crescita sostenibile nei settori marino e marittimo. La strategia riconosce che i mari e gli oceani rappresentano un motore per l’economia europea, con enormi potenzialità per l’innovazione e la crescita e rappresenta il contributo della politica marittima integrata al conseguimento degli obiettivi della strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

 

Categorie: Economia, Europa, Opinioni
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.