Diritto di replica. Parlano i popoli

18.09.2019 - Città del Messico - Desinformémonos

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Diritto di replica. Parlano i popoli
(Foto di Desinformémonos)

Continuare ad essere ciò che sono è la profonda richiesta di coloro che abitano il territorio messicano da prima che lo fosse. Ci sono 68 popoli indigeni, nazioni, tribù e quartieri che mantengono le terre, le risorse naturali, le culture, le lingue e l’organizzazione ancestrale in tutto il Messico. Sul loro territorio intendono costruire diversi progetti che promuovono lo sviluppo, ma, come ha chiesto Samir Flores Soberanes, un difensore dei Nahua e comunicatore comunitario assassinato lo scorso febbraio, “sviluppo per chi?”.

Il Treno Maya, il Corridoio Transistmico e progetti energetici come il Progetto Integrale Morelos (PIM) fanno parte delle priorità presidenziali di questo sessennio. I tre progetti riguardano le aree indigene, il che non è una coincidenza, perché su questi territori ci sono le montagne, le acque, le foreste, i venti e il sottosuolo del paese e, naturalmente, la maggiore ricchezza culturale.

Nei primi nove mesi di presidenza messicana (1 dicembre 2018-1 settembre 2019), il presidente Andŕes Manuel López Obrador ha tenuto circa 180 conferenze stampa mattutine, oltre a discorsi in occasione di eventi pubblici, e tre relazioni governative. Le voci dei popoli indigeni in disaccordo con il suo programma di sviluppo, che descrivono i suoi progetti come neoliberali e che mettono in discussione le consultazioni a distanza dell’Accordo169 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), non hanno trovato posto in quei 21.600 minuti di microfoni e flash messi a disposizione della figura presidenziale. Né hanno alcuno spazio negli eventi in cui questi progetti vengono promossi, all’interno degli stati interessati, dal momento che il presidente non ha ascoltato direttamente alcuna comunità che si oppone o che si mantiene critica.

In “Diritto di replica. Parlano i popoli”, abbiamo proposto di girare il microfono e la macchina fotografica e andare a raccogliere le voci e le immagini non contemplate, quelle anticonformiste, quelle che non sono compatibili né si adattano all’offerta di “progresso”, perché insistono sulla vita contadina e sulla permanenza della loro cultura.

Le voci di otto delle oltre 60 comunità Nahua di Morelos, Puebla e Tlaxcala fanno parte del reportage multimediale “Un megaprogetto nelle terre di Zapata”, sulla centrale termoelettrica di Huexca, un acquedotto e un gasdotto che, sebbene praticamente terminati, non sono entrati in funzione grazie alla mobilitazione sociale e alle protezioni ottenute. La figura di Emiliano Zapata è ancora viva in queste città, e ora è affiancata da Samir Flores Soberanes, promotore della lotta contro questo progetto, assassinato il 20 febbraio 2019.

Gli indigeni che si impegnano a difendere il territorio e la cultura sono di Quintana Roo, Yucatan, Campeche, Tabasco e Chiapas . Non sono i Maya dei musei e dei siti archeologici, ma quelli del presente, con il loro legame con la natura e una cultura ereditata da grandi matematici e astronomi, che vogliono continuare a seminare, danzare, pregare e pensare nella loro lingua. Sentono che il progetto del Treno Maya li minaccia e in “Su riel, nuestra tierra” spiegano le loro motivazioni.

Sui 260 chilometri dell’istmo di Tehuantepec, sulla cintura messicana, ci sono dodici popoli originari distribuiti in più di 500 comunità: chinantechi, chochoco, chontale, huave, mazatechi, mixtechi, mixteche, mixe, zapotechi, nahuatlaca, popoluca e zoque. Tutti hanno resistito ai progetti presentati loro per mano del cosiddetto progresso. E oggi non si fa eccezione. Un Corridoio Interoceanico ideato dai governanti di ieri e di oggi è di nuovo ideato sui loro territori. “Potrebbe essere l’ultima battaglia”, è quello che si sente nell’istmo.

Per realizzare i tre reportage, le squadre di giornalisti convocati da Desinformémonos hanno attraversato nove stati della Repubblica. 116 testimonianze sono state raccolte in rappresentanza di 35 organizzazioni indigene e contadine di 40 comunità e località, e sono state realizzate per progetto, video, foto-reportage e testi, disponibili per il download gratuito.

Alla fine di ogni progetto sono inoltre fornite anche delle spiegazioni ufficiali. C’è il punto di vista del governo federale, lo sviluppo istituzionale e la sua offerta ai popoli, ma il cuore di quest’opera è la parola dei popoli indigeni che non è contemplata né ascoltata, di coloro che non aspirano a far parte di un mondo lontano dal proprio. Per questo motivo, qui, parlano i popoli.

Di Gloria Muñoz Ramírez – Città del Mssico, settembre 2019

Qui il reportage completo, con vodeo, foto e testi

Categorie: Fotoreportages, Interviste, Nord America, Popoli originari, Video
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.