Ocean Viking: Clima a bordo sempre più teso

21.08.2019 - Medecins sans Frontieres

Ocean Viking: Clima a bordo sempre più teso
(Foto di Medici senza Frontiere)

Dr. Pigozzi di MSF: “Blocco disumano e vergognoso. Abbiamo bisogno al più presto di un porto sicuro.

Dopo 12 giorni di stallo in condizioni sempre più difficili per i naufraghi a bordo della Ocean Viking, Medici Senza Frontiere (MSF) ribadisce con urgenza la richiesta di un porto sicuro per le 356 persone, di cui 103 sono bambini o minori sotto i 18 anni, in maggior parte non accompagnati, salvate nel Mediterraneo.

Il clima a bordo è sempre più teso. Uomini, donne e bambini continuano a vivere in uno spazio ristretto” dichiara il dr. Luca Pigozzi, medico di MSF a bordo della Ocean Viking (VIDEO). “Perché non ci stiamo muovendo?”, “Torneremo in Libia?”, sono tra le principali domande che i sopravvissuti rivolgono agli operatori di MSF e SOS MEDITERRANEE, che gestiscono la nave in collaborazione. La maggioranza dei sopravvissuti racconta di aver subito detenzione arbitraria, estorsioni e violenze in Libia e mostra i segni delle torture. Ci sono anche le vittime del conflitto armato in Libia, feriti di guerra che vengono curati nella clinica a bordo.

Nel mezzo del Mediterraneo, con i giorni che passano quasi tutti uguali, le persone stanno perdendo la cognizione del tempo, faticano perfino ad identificare gli orari per mangiare o per pregare” continua il dr. Pigozzi di MSF. “È difficile per loro capire ciò che sta accadendo, proviamo a spiegarlo con l’aiuto del nostro mediatore interculturale”. La sera è uno dei momenti più delicati: “Riuscire a trovare un posto sul ponte dove tutti possano dormire non è facile.

“Sono più di 10 giorni che 356 persone sono bloccate in mare. Questo è vergognoso oltre che disumano” conclude Pigozzi di MSF. “Chiediamo al più presto un porto sicuro perché queste persone possano toccare terra e finalmente trovare una condizione di sicurezza e umanità.”

Dal 9 al 12 agosto la Ocean Viking, gestita in collaborazione da MSF e SOS MEDITERRANEE, ha soccorso 356 uomini, donne e bambini. Dopo il mancato riscontro dalle autorità marittime libiche competenti nell’area, abbiamo richiesto formalmente a Italia e Malta di prendere il coordinamento e assegnare alla nave un porto sicuro. Le due organizzazioni stanno interessando anche gli altri stati europei nel tentativo di trovare una soluzione tempestiva che garantisca lo sbarco in un porto sicuro per tutte le persone soccorse.

Categorie: Comunicati Stampa, Europa, Migranti
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 10.12.19

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.