Brasile: migliaia di cercatori d’oro invadono il territorio yanomami

01.07.2019 - Survival

Brasile: migliaia di cercatori d’oro invadono il territorio yanomami
(Foto di Survival Intl)

Fino a 10.000 cercatori d’oro hanno invaso le terre yanomami nel nord del Brasile diffondendo la malaria nella regione e inquinando molti dei fiumi con il mercurio.

Sebbene la maggior parte degli Yanomami siano in contatto con la società non-indigena, è noto che nell’area invasa viva anche un gruppo incontattato; le autorità stanno inoltre indagando sui segnali della presenza di altre sei comunità incontattate che potrebbero vivere lì.

I leader indigeni locali hanno imputato all’invasione massiccia la morte di 4 bambini. Denunciano che i minatori — rafforzati dal supporto del Presidente Bolsonaro agli invasori, e dai costanti attacchi ai popoli indigeni – stanno costruendo insediamenti e piste di atterraggio.

Alcuni dei siti di estrazione sono a pochi chilometri dagli Yanomami incontattati.

L’associazione yanomami Hutukara stima che il numero dei minatori arrivi a 10.000 persone e denuncia gli effetti devastanti sulla pesca e la caccia, da cui gli indigeni dipendono per i loro mezzi di sussistenza.

Gli Yanomami stanno facendo pressione sul governo affinché cacci via i minatori. All’inizio di quest’anno, dopo che il Presidente Bolsonaro ha di fatto dichiarato guerra a loro e ai loro diritti, gli indigeni del Brasile hanno guidato la più grande protesta internazionale di sempre per i diritti indigeni.

I 35.000 Yanomami vivono sui due lati del confine tra Brasile e Venezuela. Tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90, il 20% della popolazione yanomami del Brasile morì per le malattie importate dai minatori durante una precedente corsa all’oro.

Dopo una lunga campagna internazionale guidata da Davi Kopenawa Yanomami, Survival e la CCPY(Commissione Pro Yanomami), nel 1992 il territorio yanomami del Brasile venne finalmente demarcato come “Parco yanomami”. Oggi, i territori yanomami di Brasile e Venezuela costituiscono insieme il più grande territorio indigeno forestale al mondo.

“Quattro dei nostri fiumi – Uraricoera, Mucajaí, Apiaú e Alto Catrimani – sono inquinati. La situazione sta peggiorando, arrivano sempre più minatori” ha detto Davi Kopenawa, noto come il “Dalai Lama della foresta”. “Non portano niente [di buono], portano solo problemi. La malaria qui è già aumentata, e ha ucciso quattro dei nostri bambini.”

“Il razzismo di Bolsonaro ha conseguenze tragiche – e la corsa all’oro in corso nel nord del Brasile ne è solo un esempio. Sta devastando gli Yanomami che già trent’anni fa, durante l’ultima fase della febbre dell’oro, furono attaccati e massacrati” ha dichiarato oggi Stephen Corry, Direttore Generale di Survival International. “Bolsonaro è contento di stare a guardare mentre le persone muoiono e la foresta viene distrutta. Solo la mobilitazione dell’opinione pubblica – a livello nazionale e internazionale – potranno fermarlo.”

Per leggere la storia online: www.survival.it/notizie/12161
Per ulteriori informazioni e immagini, o per utilizzare la foto allegata:

Ufficio stampa italiano
+39 02 8900671 

ufficiostampa@survival.it
www.survival.it/notizie

Oppure:
+44 (0)207 687 8709 | +44 (0)7841 029 289
press@survivalinternational.org
www.survivalinternational.org/news

Categorie: Comunicati Stampa, Popoli originari, Sud America
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.