Visita ufficiale dell’ONU a Julian Assange: indagini sulla sorveglianza illegale dell’Ecuador

27.04.2019 - Countercurrents

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo

Visita ufficiale dell’ONU a Julian Assange: indagini sulla sorveglianza illegale dell’Ecuador

Il relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto alla privacy, Joe Cannataci, è stato finalmente autorizzato ieri a incontrare Julian Assange nella prigione londinese di Belmarsh.

Il giornalista ed editore di WikiLeaks è stato tenuto praticamente in isolamento, negando i suoi diritti legali e democratici fondamentali, da quando la polizia britannica lo ha trascinato fuori dall’ambasciata dell’Ecuador più di due settimane fa.

Questa è diventata una battaglia globale per la libertà di parola e il diritto del pubblico di conoscere la verità sui crimini commessi dai governi e dalle loro agenzie di stato in tutto il mondo.

Assange è perseguitato e sottoposto a un attacco legale senza precedenti, per aver pubblicato milioni di documenti segreti che denunciano complotti politici e crimini corporativi. Senza questo straordinario record di autentico giornalismo investigativo dal 2006, queste informazioni sarebbero rimaste nascoste.

Di fronte alle proteste e alle petizioni in tutto il mondo contro la cessazione illegale dell’asilo politico di Assange e l’immediato avvio di procedimenti per estradare Assange negli Stati Uniti, il governo britannico si è sentito obbligato a concedere l’accesso all’ONU. Cannataci è stato il primo a poter entrare nella prigione di Belmarsh per visitare Assange, a cui è stato addirittura negato il diritto di parlare con la sua famiglia.

Per settimane, l’ONU ha indagato sulla completa vigilanza condotta dal governo ecuadoriano contro Assange all’interno della sua ambasciata.

Il 10 aprile, WikiLeaks ha rivelato che nell’ambasciata sono stati presi centinaia di migliaia di documenti, registrazioni audio, video e foto. Assange è stato arrestato il giorno dopo, impedendo una visita programmata il 25 aprile da parte di Cannataci.

Funzionari ecuadoriani hanno spiato ogni aspetto della vita di Assange per più di un anno, comprese le sue visite mediche e gli incontri confidenziali con i suoi avvocati. Lo scopo ovvio di questa operazione illegale era quello di raccogliere o inventare prove che l’amministrazione Trump avrebbe potuto utilizzare per incriminare e richiedere l’estradizione di Assange con l’accusa di cospirazione e spionaggio.

Fuori dal carcere ieri, Cannataci ha detto all’Australian Broadcasting Corporation: “Ci sono forti indicatori che alcuni elementi della sua privacy siano stati violati”. Ha aggiunto: “Il caso è importante perché riguarda un insieme molto speciale di circostanze per cui una persona non ancora formalmente detenuta è stata sottoposta a sorveglianza”.

Avendo incontrato Assange per due ore, l’inviato speciale dell’ONU ha riferito che Assange era “in discreta forma e certamente molto convincente nel rispondere alle nostre domande”. Questo è un altro segno della sprezzante determinazione di Assange a impedire il suo trasferimento negli Stati Uniti, nonostante i sette anni di chiusura all’interno dell’ambasciata ecuadoriana abbiano arrecato danni alla sua salute.

Intervistato dal quotidiano italiano Repubblica, Cannataci ha sottolineato la natura di vasta portata dello spionaggio. Ha detto che sta cercando di accedere al materiale attualmente in possesso della polizia spagnola, che sta indagando su un tentativo di estorsione nei confronti di WikiLeaks per ottenere copie di documenti e di video.

“Se e quando il mio accesso sarà concesso, questa prova potrebbe consistere in migliaia di ore di filmati di sorveglianza, che richiederanno un po’ di tempo per essere guardati”.

Il relatore dell’ONU era d’accordo con la giornalista di Repubblica, Stefania Maurizi, riguardo al fatto che l’operazione di spionaggio contro Assange ha messo a rischio tutta una serie di diritti umani, compresa la riservatezza tra avvocato e cliente. “Il caso ha molte dimensioni, tra cui la libertà di espressione, la denuncia di irregolarità, la protezione delle fonti giornalistiche”, ha detto.

L’ONU sta indagando se l’Ecuador ha violato la privacy di Assange su due pilastri del diritto internazionale – la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e il Patto Internazionale sui Diritti Civili e Politici – ponendolo sotto stretta sorveglianza.

Jennifer Robinson, cittadina australiana, un’avvocatessa che rappresenta Assange, ha dichiarato ufficialmente che il team legale ha accolto con favore il continuo impegno dell’ONU nel caso. “E’ motivo di grave preoccupazione che l’Ecuador abbia espulso Assange dall’ambasciata prima della prevista visita ONU”, ha detto.

La Robinson ha detto che il team legale ha anche richiesto una visita ad Assange da parte del relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura. Ha ricordato che il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria ha stabilito alla fine del 2015 che Assange è stato “detenuto arbitrariamente”, a causa della necessità di rimanere nell’ambasciata per proteggersi dall’estradizione statunitense, e ha chiesto il suo rilascio.

Chelsea Manning, la coraggiosa informatrice che ha fatto trapelare a WikiLeaks il famigerato video “Omicidio Collaterale” e molte migliaia di connessioni diplomatiche statunitensi incriminanti, è stata tenuta in isolamento per oltre sei settimane perché si è rifiutata di rendere una testimonianza falsa contro Assange davanti a un Gran Jury. La sua detenzione continua è un chiarissimo tentativo di costringerla a cooperare nella vendetta guidata dagli Stati Uniti contro Assange.

Se Assange viene spedito negli Stati Uniti con false accuse di hacking informatico, dovrà presto affrontare ulteriori accuse, con una pena massima dell’ergastolo o della pena di morte. Questo costituirebbe un precedente internazionale per l’incarcerazione di giornalisti che denunciano ovunque i crimini e le malefatte dei governi.

Dall’arresto di Assange, numerose pubblicazioni corporative si sono schierate subito dietro questa offensiva. Hanno sfacciatamente usato le riprese video dell’Ecuador e altro materiale prodotto dalla sorveglianza illegale per ripetere le diffamazioni personali contro Assange, fabbricate dal regime corrotto ecuadoriano per giustificare la cessazione del suo asilo politico.

Queste menzogne e calunnie contro Assange sono in contrasto con l’immenso sostegno di cui gode tra i milioni di lavoratori, studenti e giovani a livello internazionale che considerano lui e la Manning come eroi. L’opposizione di massa alla persecuzione di Assange deve essere trasformata in un movimento politico per impedirne l’estradizione e garantirne la libertà. Il WSWS e i Partiti per l’uguaglianza socialista (SEP) in tutto il mondo svolgono un ruolo centrale in questa lotta decisiva.

Negli ultimi 18 mesi, la SEP (Australia) ha organizzato una serie di manifestazioni, chiedendo che il governo australiano adempia immediatamente ai propri obblighi nei confronti di Assange, in quanto cittadino australiano, assicurando il suo ritorno in Australia, con la garanzia di non essere estradato negli Stati Uniti.

Un altro raduno, volto a porre questa richiesta al centro dei temi delle elezioni federali australiane del 18 maggio, si terrà a Sydney questo sabato, seguito da incontri in diverse città.

La SEP nel Regno Unito ha preso parte alle proteste e alle veglie che chiedono una mobilitazione totale contro le mosse per l’estradizione di Assange. Oggi parteciperà a una riunione pubblica a Londra, convocata dalla commissione per la difesa di Julian Assange.

Questa lotta cruciale è interamente legata alla lotta per un socialismo autentico. Come dimostra l’aggressione totale di Assange e della Manning da parte dei governi e dei conglomerati di media corporativi, garantire i diritti democratici fondamentali richiede niente meno che la trasformazione mondiale della società da parte della classe operaia per soddisfare le esigenze sociali, non gli interessi di profitto dell’aristocrazia finanziaria.

Questa prospettiva internazionalista e socialista anima l’International Online May Day Rally 2019, organizzato dal Comitato Internazionale del Fourth International Web Site e dal World Socialist Web Site. Invitiamo i nostri lettori a registrarsi oggi.

Originale pubblicato su WSWS.org

Categorie: Diritti Umani, Europa, Internazionale
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.