HIT Show: la fiera vicentina è diventata la piattaforma di lancio per la diffusione delle armi e le politiche che la incentivano

11.02.2019 - Rete Italiana per il Disarmo

HIT Show: la fiera vicentina è diventata la piattaforma di lancio per la diffusione delle armi e le politiche che la incentivano
(Foto di Dagospia)
L’avevamo detto fin dalla prima edizione di HIT Show nel 2015: “In mancanza di un preciso codice di autoregolamentazione, la fiera HIT Show si configura come un’operazione di tipo ideologico per promuovere la diffusione delle armi e sostenere le politiche che la facilitano. Un’operazione che, in considerazione della crescente tendenza a rispondere con le armi a fronte di furti e reati alla proprietà, consideriamo inaccettabile”.
L’edizione della fiera che si conclude oggi a Vicenza non solo conferma le nostre previsioni, ma evidenzia in modo inequivocabile i reali obiettivi degli organizzatori: fare dell’evento fieristico HIT Show il luogo privilegiato per propagandare iniziative di chiara rilevanza politica per favorire proposte legislative di tipo privatistico e securitario con l’utilizzo delle armi da parte dei cittadini.
La visita a HIT Show di Matteo Salvini per annunciare che la nuova legge sulla legittima difesa sarà approvata a marzo e la sua presenza agli stand per imbracciare armi da fuoco, non sono certo un atto responsabile da ministro degli Interni, bensì rappresentano l’esercizio promozionale del leader di un partito e costituiscono un’indicazione – nemmeno tanto celata – di voto in vista delle prossime elezioni europee. Risultano gravissime e contrarie al ruolo istituzionale che ricopre soprattutto le sue dichiarazioni volte ad assecondare, se non ad incentivare, le pulsioni di “difesa fai da te” da parte dei cittadini: in qualità di ministro degli Interni, Salvini dovrebbe invece assicurare che la difesa dei cittadini sia esercitata dagli organi preposti e informare correttamente la popolazione riguardo alla minaccia che le armi, anche quelle legalmente detenute da privati cittadini, rappresentano per la sicurezza e l’incolumità di tutti, in particolare dei familiari e conviventi.
Questa operazione ideologica e politica è favorita dalle amministrazioni locali che sono i maggiori azionisti di Italian Exhibition Group (IEG), la società per azioni che insieme a Anpam, organizza HIT Show. Si tratta del Comune e della Provincia di Rimini, del Comune e della Provincia di Vicenza e della Regione Emilia Romagna. Da diversi anni chiediamo agli amministratori di questi Enti locali, ed in particolare ai sindaci di Rimini e di Vicenza, di farsi promotori presso IEG di un regolamento rigoroso di HIT Show per prevenire l’uso dell’evento fieristico per scopi non conformi alle finalità dichiarate. La mancata implementazione di questo regolamento, nonostante le richieste espresse anche in mozioni approvate nei Consigli comunali delle due città, è un’evidente manifestazione della volontà degli organizzatori di HIT Show di utilizzare il salone fieristico come la piattaforma di lancio nazionale per incentivare la diffusione delle armi e sostenere le politiche che la favoriscono. Un’operazione che riteniamo pericolosa ed inammissibile in considerazione del clima di rancore, risentimento e odio che va diffondendosi sempre più nel nostro Paese che non dovrebbe essere assecondato bensì decisamente contrastato con iniziative culturali capaci di ridurre le tensioni e con politiche in grado di superare le cause che ne sono all’origine.
Rinnoviamo pertanto la nostra richiesta alle Amministrazioni di Rimini e di Vicenza, e soprattutto ai due sindaci, Andrea Gnassi e Francesco Rucco, ad assumere al più presto e con fermezza tutte le iniziative necessarie nei confronti degli organizzatori di HIT Show, ed in particolare la dirigenza di Italian Exhibition Group (IEG), affinché venga implementato un codice di responsabilità sociale d’impresa e relativo regolamento in grado di garantire che il salone fieristico “HIT Show Outdoor Passion” sia conforme alle finalità dichiarate e cioè una manifestazione “dedicata alla caccia, al tiro sportivo e all’outdoor”, escludendo pertanto l’esposizione di armi e strumenti non conformi a questi settori (armi da difesa personale, per corpi di polizia e di sicurezza pubblica e privata, armi da guerra ad uso collezionistico, ecc.), vietando ogni tipo di attività a iniziative di rilevanza politica (raccolte di firme per petizioni o campagne di qualsiasi genere e attività ad esse inerenti), proibendo l’esposizione di materiali pubblicitari per formazioni di tipo paramilitare e mercenario e vietando l’accesso agli spazi espositivi di armi a persone che non abbiano compiuto la maggiore età anche se accompagnate.
Esprimiamo il forte rammarico per l’assenza dei sindaci di Rimini e Vicenza al dibattito pubblico sul salone fieristico HIT Show al quale li avevamo invitati in occasione del convegno che abbiamo organizzato sabato scorso a Vicenza. Riteniamo molto grave che i rappresentanti di amministrazioni comunali si sottraggano al confronto pubblico su questioni di chiaro interesse nazionale come il salone fieristico HIT Show ed ancor più in considerazione del loro ruolo di rappresentanti degli enti pubblici che sono tra i maggiori azionisti della società per azioni che organizza il salone fieristico.
Manifestiamo, infine, la nostra disponibilità a proseguire l’interlocuzione con le suddette Amministrazioni e con tutte le parti interessate affinché si arrivi al più presto a definire strumenti idonei per superare l’anomalia che HIT Show rappresenta nel panorama fieristico europeo e per pervenire ad un preciso e rigoroso regolamento per gli espositori e per i visitatori che espliciti l’assunzione di responsabilità etica e sociale della manifestazione fieristica.
Comunicato congiunto di OPAL  e Rete Disarmo
Categorie: Comunicati Stampa, Europa, Pace e Disarmo
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

Eventi 10 anni di Pressenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.