Migranti, Brignone (Possibile): Libia riceve milioni per far morire persone?

20.01.2019 - Possibile

Migranti, Brignone (Possibile): Libia riceve milioni per far morire persone?
(Foto di Camera dei Deputati)
“Sono 338 milioni di fondi europei spesi con il risultato di lasciare morire persone in mare, come è accaduto nelle ultime ore. Si potevano, si dovevano salvare: le motovedette libiche erano a un’ora dal gommone e Sea Watch era pronta ad aiutare. Ma per tutto il giorno il telefono ha squillato a vuoto. I libici, finanziati dall’Unione europea, non rispondevano: lo raccontano le cronache di oggi, ma è una scena già nota. Un drammatico déjà vu”. Lo dichiara la segretaria di Possibile, Beatrice Brignone, parlando della strage di persone avvenuta in mare.
“Solo alcune ore più tardi – aggiunge Brignone – qualcuno ha risposto, ma non parlava né inglese, né francese, né italiano, né arabo. Alla fine, nella notte, è arrivata una motovedetta che è riuscita a portare in salvo i tre superstiti. Gli altri, sfiniti, sono stati inghiottiti dal mare in attesa che qualcuno rispondesse al telefono. L’Italia, con l’Europa, finanzia copiosamente questa vergogna. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, inizi a lavorare su questo tema visto il ruolo che ricopre: poi, un futuro, da avvocato faccia quel che vuole, contrastando i trafficanti. Ma ora è necessario un impegno sui finanziamenti alla Libia. Quei soldi non possono essere spesi e lasciar morire persone”.
Categorie: Comunicati Stampa, Diversità, Europa, Politica
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.