Il 2019 offrirà occasioni per cambiare il sistema?

04.01.2019 - Redacción Chile

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Francese

Il 2019 offrirà occasioni per cambiare il sistema?
(Foto di Alejandro Rodríguez)

Di Howard Richards

Alcuni di noi pensano che il 2008 sia stata un’occasione perduta. L’umanità ha avuto la possibilità di cambiare rotta per salvare se stessa e la biosfera. Abbiamo mandato tutto all’aria. Il 2019 potrebbe essere una seconda possibilità?

Il motivo per cui il 2008, invece di qualche altro anno recente, si distingue come un’opportunità di cambiamento è che verso la fine di quell’anno gli investitori stavano perdendo denaro. Le ragioni fondamentali per cui una nuova economia e nuove strutture sociali sono necessarie, e non solo facoltative, sono le stesse da molto tempo. Esse sono:

  1. Il lavoro umano sta diventando obsoleto come fattore di produzione.
  2. La natura sta morendo e gli esseri umani la stanno uccidendo (insieme a se stessi).
  3. Le vecchie e ben note alternative al capitalismo non hanno funzionato.

La sofferenza dell’umanità è una costante della storia recente. Secondo i dati dell’Ufficio Internazionale del Lavoro, su scala mondiale meno della metà dei lavoratori ha fonti di reddito affidabili. Anche tra le minoranze che hanno un lavoro stabile, la vita tende ad essere dura e insicura. Esempi drammatici recenti sono i boat people che cercano disperatamente di entrare in Europa (dove la disoccupazione è cronicamente alta) e i migranti economici che attraversano il Messico a piedi cercando disperatamente di entrare negli Stati Uniti (dove il tasso di disoccupazione reale non è ora il dato falso ufficiale del 4,7% ma il 21,5%).

L’agonia della natura è andata costantemente peggiorando ogni anno, non solo nel 2008. Ad esempio, si stima che oggi l’agricoltura basata sui pesticidi abbia eliminato 73.000 specie di insetti. Dal 2006 le popolazioni di api da miele sono diminuite del 40% negli Stati Uniti e così via.

Ciò che ha reso diverso il 2008 è che gli investitori hanno perso un sacco di soldi. Questo ha reso la crisi attuale dell’umanità e della terra una crisi sistemica. I media l’hanno definita una crisi. Non è stato solo il fatto che l’élite di potere si è trovata improvvisamente sull’orlo di un abisso, a guardare in giù verso l’annientamento. È che il motore che faceva andare l’economia si è bloccato, si è fermato, minacciando di fermare tutto il resto.

Nel 2008 abbiamo mandato tutto all’aria. Il 2008 è stato il momento di riconoscere l’assurdità, oltre che la crudeltà, di un sistema che richiede ad ogni adulto di trovare un acquirente che consideri vantaggioso acquistare la sua forza lavoro (oppure acquirenti di beni e servizi, in caso di lavoro autonomo) per stabilire il suo diritto di essere nato. Chi è il responsabile qui? Le persone sono al servizio dell’economia, o l’economia è al servizio del popolo? La risposta è ovvia, assurda e crudele.

Nel 2008 abbiamo avuto la possibilità di fare qualcosa riguardo all’insaziabile appetito per il profitto della bestia che ci governa. Ma noi (o almeno quelli di noi che hanno preso le decisioni chiave) abbiamo creduto agli economisti che danno a quell’insaziabile appetito il nome di “crescita”. Ci hanno detto che l’unico modo per creare una fetta più grande della torta per tutti era aumentare le dimensioni della torta. Ci hanno detto che tornare sulla via della crescita costante sarebbe stata la nostra salvezza. Avrebbe creato occupazione. Avrebbe allargato la base imponibile, finanziando in questo modo i servizi governativi per i poveri.

La sola e unica via di crescita, ci avevano detto, era rendere nuovamente redditizio l’investimento. La fiducia degli investitori doveva essere ripristinata. Gli investitori andavano convinti che avrebbero potuto trasformare i soldi in altri soldi riprendendo gli affari consentiti che avevano interrotto.

Alcuni di noi non credevano agli economisti ortodossi, ma non avevamo scelta. La loro logica era la saggezza convenzionale, che aveva  la pretesa di essere una scienza. Così il debito privato è stato trasformato in debito pubblico. Lo stato sociale, che era già, nel migliore dei casi, in un processo di ordinato ritiro, è stato decimato. Enormi quantità di denaro sono state create per decreto – essenzialmente stampate e prestate, quasi a interesse  zero, a membri selezionati della specie umana. I beneficiari della generosità del governo e del contenimento dei salari e di tutto il resto erano considerati le uniche persone che potevano mettere in moto la vecchia macchina del pane che si era rotta e farla funzionare di nuovo. Solo loro potevano creare occupazione.

I clienti del welfare sono stati umiliati, i banchieri e i dirigenti aziendali sovvenzionati. Molti dirigenti hanno colto l’opportunità di prendere in prestito tonnellate di denaro in nome della società, e poi di spingere l’azienda ad acquistare le proprie azioni. Questo ha aumentato il prezzo delle azioni. Ha aumentato il numero di azioni proprie detenute dalla società stessa. Ha diminuito il numero di azioni detenute dal pubblico. Presto, l’utile per azione è salito. (Le azioni proprie non sono conteggiate al momento del calcolo dell’utile per azione.) Pertanto, secondo i criteri dei loro pacchetti retributivi, i dirigenti avevano diritto a un bonus. Un’altra e ancora più disastrosa conseguenza dello spostamento del cielo e della terra per tornare alla crescita stava creando economie ancora più grandi e ancora più incompatibili con le leggi fondamentali della biologia, della chimica e della fisica. (Un’economia “più grande” è un’economia con un PIL più alto, il che significa che in un dato territorio in un dato anno vengono acquistati e venduti più prodotti nuovi; più rapporti umani vengono commercializzati, ci sono più regali sotto l’albero di Natale, viaggiano più macchine e più natura – inclusi semi ibridi e acqua privatizzata – viene mercificata).

L’idea di base era ed è che il mondo funziona sul profitto. Senza profitto non regge. Quando il sistema economico si guasta, deve essere riparato lubrificando le ruote con il profitto. Sostituire il sistema con un altro viene considerato fuori discussione – per la terza ragione per cui sono necessarie nuove economie, come ho già detto. Vale a dire, perché le vecchie e ben note alternative al capitalismo non hanno funzionato.

Si potrebbe essere tentati di dire, insieme a Margaret Thatcher, che non ci sono alternative; che se ci sarà un altro crollo nel 2019 ci dovranno essere più salvataggi delle banche che spese pubbliche, più austerità e più incentivi monetari per motivare i ricchi a creare posti di lavoro. Si potrebbe essere tentati di dire tutte queste cose, ma se si riflette che, oltre ad essere ingiusto e instabile, il sistema è anche (come indicato sopra) insostenibile, allora andare avanti così non è solo un’interminabile sofferenza per la maggioranza. E’ impossibile.

In tale contesto è una consolazione riconsiderare il 2008 come un anno che avrebbe potuto essere diverso. Come molti economisti eterodossi hanno esortato all’epoca, il 2008 è stata un’occasione storica per mettere alla prova le nuove idee che avevano sperimentato in teoria, in attesa che una crisi come questa offrisse l’opportunità di provarle nella pratica. Nel 2008 i pensatori creativi e i professionisti innovativi avevano già imparato dal passato e prospettato futuri alternativi. I gulag, o la socialdemocrazia che fiorì dopo la seconda guerra mondiale ma poi svanì, non erano le uniche alternative all’intervento dei governi in economia con lo scopo di rendere i ricchi più ricchi – credendo (con più o meno sincerità, e con più o meno pigrizia mentale) che un governo che agisce come un Robin Hood al contrario, rubando ai poveri per dare ai ricchi, fosse l’unica soluzione possibile al problema.

Il 2008 è stata una occasione storica per i ricchi stessi di svegliarsi, insieme a tutti gli altri. Svegliarsi e rendersi conto che le inevitabili conseguenze del sistema ormai dominante – violenza, disuguaglianza, miseria e un pianeta inabitabile – non sono conseguenze che qualcuno vuole o desidera. Non c’è un solo essere umano, nemmeno il più ricco, i cui interessi sono garantiti da un sistema guidato dalla creazione di modi sempre più complicati per trasformare il denaro in altro denaro.

La cosa migliore che si può dire del sistema dominante esistente è che le alternative sono peggiori. Ma certamente, la socialdemocrazia sociale è stata migliore finché è durata. E certamente il numero di alternative che non sono state sperimentate è molto elevato. In effetti, in linea di principio, il numero di alternative non collaudate è infinito. E ci sono molte alternative che sono state provate. Centinaia di alternative poco conosciute hanno avuto successo su piccola o media scala. Gli esempi vanno dall’economia solidale in Spagna, a Ithaca Hours nello Stato di New York, a LETS in Australia, alle banche pubbliche locali in Cina e a Rosario (Argentina) e nel Dakota del Nord, alle cliniche oculistiche Aravind in India, ai monasteri in Francia e nel mondo, alla proprietà pubblica della ricchezza mineraria in Norvegia e Botswana e in molti altri luoghi, alla risicoltura cooperativa sostenibile a Bali. Le migliori pratiche di successo potrebbero essere potenziate.

Supponendo che il 2019 possa offrire all’umanità un’altra opportunità per cambiare rotta e salvare se stessa e la biosfera, vorrei esprimere qui alcune delle mie opinioni su come procedere.

Per risolvere il problema di base, dobbiamo ridefinire l’idea di base. Il problema non è come addolcire l’affare per i grandi investitori allo scopo di soddisfare il loro interesse a produrre il nostro pane quotidiano e a darci un lavoro per cucinarlo. La nuova idea di base è costruire un mosaico globale di economie democratiche rispettose dell’ecologia, economie solidali, economie popolari.

Quello che ho appena detto è fondamentalmente vero, ma finché il mondo è dominato dalla necessità di accumulazione di capitale, come lo è ora, una grande parte del problema, per il momento, è come attrarre investimenti. La sfida è quella di attrarre investitori che siano partner con una coscienza. Hanno bisogno di un profitto sufficiente a coprire i costi di produzione, compreso il costo del capitale e quello che Alfred Marshall ha definito profitto normale (“il prezzo di fornitura del business”, vale a dire quello che costa per compensare il tempo dell’imprenditore). Dato ciò di cui hanno bisogno, essi possono, e spesso lo faranno, unirsi ad altri settori per promuovere insieme il bene comune. Gavin Andersson la chiama “organizzazione senza limiti”.

Nello stesso tempo in cui gli stessi banchieri, investitori e capitalisti diventano di giorno in giorno partner, eticamente più illuminati, del governo e della società civile (in parte perché anche loro sono esseri umani e, nel loro cuore, vogliono essere buoni; e in parte perché le mele marce tra di loro sono sempre più evitate dal resto della società), le classi medie e inferiori vanno avanti a riprendersi il controllo della loro vita.

Costruire un’economia popolare significa più cooperative, più forme diverse di proprietà privata e comunitaria e pubblica come quelle che i legislatori europei si sono impegnati ad autorizzare nell’ultimo decennio, più non-profit, più enti di beneficenza, più enti di beneficenza attrezzati, più imprese di proprietà dei dipendenti, più lavoratori nei consigli di amministrazione, più mini imprese e piccole imprese, più professionisti indipendenti, più volontari, più orti domestici, più orti comunitari, più quartieri e territori che gestiscono i loro spettacoli locali, più ospedali gestiti da professionisti sanitari, più media di proprietà dei giornalisti che ci lavorano. Il quadro è chiaro.

Ma ricordate anche che, soprattutto ora che i robot prendono il controllo della produzione, ci devono essere mezzi di sussistenza più dignitosi per un maggior numero di persone che non dipendono da alcuna impresa, nemmeno da una cooperativa di proprietà dei lavoratori. Un numero crescente di lavoratori vagano per le strade disoccupati perché non c’è mercato per i prodotti che farebbero se fossero assunti.

Guy Standing ha ragione quando dice che la chiave per finanziare un reddito di base universale è catturare le rendite economiche. Spostare il denaro da dove non è necessario a dove è necessario. Un “affitto” è un reddito imprevisto che va al di là del costo di produzione. Si tratta di una eccedenza che va oltre quanto necessario per far girare le ruote del business. (La mia opinione personale, tuttavia, è che un reddito di base universale si ottiene meglio attraverso il finanziamento pubblico e privato di molteplici attività che hanno un valore umano ed ecologico: come lo sport, la musica, la riforestazione, l’eliminazione della plastica dall’oceano, l’arte, la filosofia, la ricerca, l’apprendimento permanente e così via. Il finanziamento delle attività è un modo per dare a tutti dignità e disciplina, non solo denaro.) Ellen Brown ha ragione anche quando dice che un altro modo per finanziare la fine dell’esclusione economica è quello di sottrarre ai banchieri privati tutto o parte del potere di creare denaro. Mettere la creazione di denaro nelle mani di istituzioni pubbliche o semi-pubbliche che utilizzeranno i proventi per finanziare un reddito di base universale. Thomas Piketty ha ragione a chiedere tasse di successione e a  colpire con durezza i paradisi fiscali.

Rendere i diritti sociali umani (come il lavoro dignitoso, le pensioni, l’assistenza sanitaria….) realtà invece di promesse non mantenute richiede un doppio approccio. Uno: tutti noi, non solo il governo, siamo responsabili del rispetto dei diritti umani. Due: il governo deve cessare di essere quello che Joseph Schumpeter ha definito uno stato fiscale. Deve avere molteplici fonti di reddito, non una sola, a cominciare dai redditi da affitti da risorse naturali, e continuando con redditi da banche e creazione di denaro. Risultato netto: il governo ha meno da fare e più con cui farlo. Il tempo di attesa per un’operazione di ernia in un ospedale pubblico scende da un anno o più a un mese o meno.

Traduzione dall’inglese di Annalaura Erroi

 

 

Categorie: Economia, Internazionale, Opinioni
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 15.12.19

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.