L’organizzazione britannica Adala UK chiede un’indagine sul tentato omicidio dell’attivista Saharawi Mohamed Dihani

26.12.2018 - Wesa Times

L’organizzazione britannica Adala UK chiede un’indagine sul tentato omicidio dell’attivista Saharawi Mohamed Dihani

L’attacco con un coltello contro Mohamed Dihani, difensore dei diritti umani nel Sahara Occidentale, ha suscitato grande indignazione, poiché è un altro esempio della violenza subita da coloro che alzano la voce per difendere i diritti dei Saharawi, in particolare nei territori occupati.

Adala UK ricorda al Regno del Marocco che la difesa dei diritti umani e del giornalismo non dovrebbe essere punita con una minaccia di morte contro coloro che difendono questi diritti. Urgente che le autorità marocchine proteggano le persone che difendono i diritti umani. Altrimenti, qualsiasi misura di protezione sarà insufficiente a mantenerli in vita.

Il Marocco deve condurre un’indagine immediata, approfondita e imparziale per chiarire questo attacco, assicurando che il lavoro di difesa dei diritti umani faccia parte delle linee di indagine e che gli autori materiali e intellettuali siano consegnati alla giustizia. Allo stesso modo, il Marocco deve adottare e attuare misure per proteggere la vita e l’integrità di Mohamed Dihani e di altri difensori dei diritti umani

Dihani ha detto ad Adala che “dopo aver lasciato la mia casa e arrivato nel luogo in cui mi hanno attaccato, due persone hanno cercato di arrestarmi prima e quando ho iniziato a protestare e urlare, uno di loro mi ha colpito con un coltello.
Mi ha colpito per tre volte in diverse parti del corpo causando due ferite, unaall’altezza del cuore. È chiaro che voleva uccidermi. Una di queste due persone lo vedo spesso vestito da civile con gli agenti della polizia marocchina”.

Dal 2010, Mohamed ha presentato più di 140 denunce di attacchi dalle autorità marocchine. Nonostante ciò, lo Stato non lo ha protetto né aperto indagini nel suo caso – né in quello di altri difensori saharawi – per fermare l’ondata di attacchi contro di lui e garantire la sua vita.

Questo tipo di attacchi a Mohamed Dihani è una tragedia prevedibile, dal momento che Mohamed aveva denunciato attacchi e minacce per anni.

Dihani ha anche detto ad Adala che “dopo l’attacco il mio amico mi ha portato all’ospedale Ben Lmahdi, nella capitale dei territori occupati, El Aaiún, ma purtroppo nessun medico o infermiera voleva curarmi o darmi il primo soccorso. Ho dovuto chiedere due volte alla reception per essere visto, ma nessuno voleva aiutarmi: dopo 10 minuti gli agenti di polizia sono arrivati e mi hanno chiesto di lasciare l’ospedale e andarmene. Non me ne sono andato e ho continuato a insistere per avere un trattamento e anche un certificato medico per dimostrare l’entità delle lesioni che ho sofferto, per poterlo presentare come prova alle autorità marocchine per aprire un’indagine. Successivamente, un uomo vestito con abiti civili, che credo fosse un ufficiale della polizia, ha ordinato ai medici di non prendersi cura di me e di non darmi un certificato per determinare la mia situazione o la gravità delle ferite”.

Il comportamento delle forze marocchine, che hanno molestato e intimidito lo staff e i pazienti, è assolutamente deplorevole. Non vi è alcuna giustificazione per impedire a infermieri e medici di curare un paziente gravemente ferito.

I testimoni degli eventi nell’ospedale di Ben Lmahdi hanno descritto scene di “paura totale” quando i poliziotti marocchini in uniforme e in borghese hanno fatto irruzione nell’ospedale, apparentemente alla ricerca di un paziente ferito. “C’erano molti agenti nell’ospedale, che hanno scatenato il panico tra i pazienti e le loro famiglie. Molti di loro erano nel pronto soccorso e hanno dovuto lasciare l’ospedale senza ricevere alcun trattamento a causa della paura che avevano”, dice un altro testimone. Secondo un funzionario dell’ospedale, “non avevano basi legali per agire in questo modo, minacciando il personale dell’ospedale e altri pazienti”.

Nella denuncia presentata alle autorità marocchine, Mohamed afferma che “l’attacco che ho subito non è altro che un tentativo di uccidermi dai servizi segreti marocchini, su ordine dei loro superiori di alto rango per molte ragioni. Ciò è dovuto alle mie recenti attività come direttore della”The Western Sahara Times Foundation” e come presidente dell’Associazione Saharawi (ASR 6), oltre alle mie recenti attività nel campo dei diritti umani, in particolare per la difesa dei diritti politici e sociali del Popolo saharawi. Queste ragioni sono ovviamente il movente dietro questo tentativo di assassinarmi”. Inoltre, Mohamed conferma che le autorità marocchine non hanno mai mostrato alcun interesse ad aprire indagini su quanto accaduto.

Categorie: Africa, Diritti Umani, Europa
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.