Sabato 15 dicembre 2018 ore 15
Auditorium IISS Baldessano-Roccati, viale Garibaldi 7/b, Carmagnola (TO)

Un incontro promosso dall’Organizzazione di Volontariato Mondo in Cammino Onlus (MIC). Parteciperanno Paola e Claudio Regeni, genitori di Giulio, l’avvocato Alessandra Ballerini, legale della famiglia Regeni, Gianna Schelotto, giornalista e scrittrice, Massimo Bonfatti, presidente di Mondo in Cammino e Vladik con la mamma Anna.

Assieme alla storia di Giulio, tornata alla ribalta in questi giorni, nota a tutti, ma di cui la verità continua ad essere nascosta, verrà raccontata anche quella di Vladik, un bambino ucraino di 3 anni affetto da un tumore. Una storia minimizzata e ignorata per non fare emergere un’altra verità: quella delle conseguenze del fallout di Chernobyl, che a più 32 anni di distanza dall’incidente continuano a contaminare la realtà di Ivankiv, dove vive con la mamma.

Vladik sarà a Carmagnola grazie alla sottoscrizione lanciata da Mondo in cammino e a cui ha dato un grande impulso, il 21 novembre 2017, il reportage de “Le Iene”: “Il cibo che uccide i bambini di Chernobyl”. Con parte della somma raccolta è stato finanziato l’intervento chirurgico per l’asportazione del neuroblastoma che paralizzava le gambe di Vladik con grave compromissione delle funzioni urinarie.

Giulio e Vladik: due destini diversi con un filo rosso che unisce l’Egitto all’Ucraina: quello delle verità occultate. Ne parleranno i protagonisti.

Inizio registrazione partecipanti: ore 14,30.

Gradita la prenotazione scrivendo a: info@mondoincammino.org