Centrafrica, arrestato in Francia ricercato per crimini contro l’umanità

12.12.2018 - Riccardo Noury

Centrafrica, arrestato in Francia ricercato per crimini contro l’umanità
(Foto di http://www.centrafriqueledefi.com)

Quello di Patrice-Edouard Ngaissona, ex coordinatore della milizia armata cristiana “anti-balaka”, ex ministro e presidente della federazione calcistica della Repubblica Centrafricana, faceva parte di una lista compilata da Amnesty International di 20 presunti responsabili di crimini contro l’umanità e crimini di guerra commessi nel conflitto interno scoppiato alla fine del 2013 nel paese africano.

Il 12 dicembre 2018 Ngaissona è stato arrestato a Parigi a seguito di un mandato di cattura emesso dal Tribunale Penale Internazionale: è sospettato di omicidio, tortura, deportazione forzata e reclutamento di bambini soldato.

Il mandato d’arresto era stato spiccato il 7 dicembre nell’ambito di un’indagine sulla situazione nella Repubblica Centrafricana aperta il 24 settembre 2014.

L’arresto di Ngaissona segue la resa di Alfred Yekatom, un altro comandante della milizia “anti-balaka”, che si è consegnato al Tribunale Penale Internazionale il 17 novembre.

 

Categorie: Africa, Diritti Umani
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 16.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.