APM chiede garanzie di sicurezza per Yezidi

10.12.2018 - Associazione per i Popoli Minacciati

APM chiede garanzie di sicurezza per Yezidi
(Foto di U.S. Department of State from United States)

Comunità di credo non musulmane hanno bisogno di una prospettiva per il futuro in Medio Oriente.

Con davanti agli occhi la tragedia di oltre 3.000 donne e ragazze yezide rapite nel Nord dell’Iraq e ancora in mano alla violenza dello Stato Islamico (IS), l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) si è appellata alle forze politiche dell’Iraq e della Siria per chiedere garanzie di sicurezza per gli Yezidi. Il Premio Nobel per la Pace alla yezida Nadia Murad deve essere inteso come una richiesta d’azione per i governi e le opposizioni di questi due paesi affinché le comunità religiose non musulmane vengano tutelate in modo efficace da ulteriori aggressioni. Parte integrante della tutela è anche la persecuzione legale dei responsabili dei crimini contro l’umanità commessi contro gli Yezidi nella regione del Sinjar nel nord dell’Iraq.

Finché i sunniti radicali e i simpatizzanti dell’IS nell’Iraq del Nord e nella vicina Siria possono continuare ad agire in modo indisturbato, gli Yezidi della regione non vedono alcuna prospettiva per un futuro in Medio Oriente. Secondo l’APM, si tratta di impedire che l’Islam venga strumentalizzato per motivi politici e per perseguire e cacciare con violenza chi ha un credo diverso.

Dopo i gravi crimini contro l’umanità commessi nel Sinjar molti Yezidi hanno completamente perso la fiducia nelle forze di sicurezza sia del governo centrale iracheno sia del governo autonomo del Kurdistan e per questo motivo non vogliono tornare nei loro villaggi. Almeno 280.000 dei 430.000 Yezidi che sono dovuti fuggire dagli attacchi dell’IS vivono tuttora in campi provvisori nel Kurdistan iracheno. Affinché essi restino in Iraq, il governo dovrebbe concedere loro l’autonomia nella principale regione di insediamento degli Yezidi in modo che possano, sotto la tutela del governo centrale e del governo kurdo, programmare da sé la ricostruzione e il proprio futuro.

Nell’estate del 2014 l’IS aveva attaccato i villaggi yezidi nel Sinjar. Secondo i dati forniti dalle Nazioni Unite, durante gli attacchi sono state uccise circa 5.000 persone e molte più sono state rapite. Tra le persone rapite ci sono più di 5.000 donne e ragazze che sono state stuprate, sposate con la forza a militanti dell’IS o vendute in veri e propri mercati degli schiavi. Finora solamente 40.000 Yezidi sono tornati nel Sinjar. Dopo i combattimenti contro l’IS, la regione è completamente distrutta.

Categorie: Comunicati Stampa, Diritti Umani, Medio Oriente
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 10.12.19

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.