Solo un ebreo può dire la verità su Israele

18.11.2018 - Redazione Italia

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese

Solo un ebreo può dire la verità su Israele

Immagina che cosa succederebbe a Noam Chomsky se non fosse ebreo.
Chomsky avverte l’aumento delle “tendenze ebraico-naziste” in Israele.

Paul Craig Roberts, 13 Novembre 2018.

 

12 novembre 2018 “Information Clearing House” –
L’eminente intellettuale ebreo Noam Chomsky ha sollevato preoccupazioni su quello che egli ritiene essere l’ascesa delle “tendenze ebraico-naziste” in Israele.
Parlando con i24NEWS la scorsa settimana, il famoso dissidente politico, linguista e studioso ha ripreso gli avvertimenti di Yeshayahu Leibowitz, un intellettuale pubblico israeliano, biochimico e poli-matematico, riguardo all’effetto disumanizzante, sia sulle vittime che sugli oppressori, della brutale occupazione israeliana della Palestina.

Chomsky ha commentato le osservazioni di Leibowitz, che è stato nominato per il Premio Israele, dicendo: “Leibowitz ha avvertito che se l’occupazione continua, gli ebrei israeliani si trasformeranno in quelli che lui ha definito giudeo-fascisti”. Chomsky ha riconosciuto che quello era un “termine forte” e che la maggior parte della gente non sarebbe stata in grado di cavarsela descrivendo Israele in quel modo, ma ha spiegato che lo status di Leibowitz gli permetteva di parlare di Israele senza incorrere nella sua furia.

Leibowitz, scomparso nel 1994 a Gerusalemme, ammonì che lo stato di Israele e il sionismo erano diventati più sacri dei valori ebraici dell’umanesimo e polemicamente descrisse la condotta di Israele nei territori palestinesi occupati come di natura “giudeo-nazista”.

Indignato per l’uccisione, nel 1953, di 60 abitanti di Qibya, la maggior parte dei quali donne e bambini, da parte del famigerato commando israeliano 101, noto per le sue campagne di brutalità e ritorsione, Leibowitz dichiarò:
“Dobbiamo chiederci da dove è emersa questa nostra gioventù; giovani che non avevano alcuna inibizione mentale a commettere questa atrocità? Quale motivazione interiore per tali atti avrebbe potuto essere all’opera qui? Questa gioventù non è una marmaglia ma il prodotto dell’educazione sociale e umanista sionista”.

Facendo eco a Leibowitz, Chomsky ha detto: “Se stai strangolando qualcuno, devi trovare un modo per giustificarlo”. Ripetendo l’avvertimento di Leibowitz ha aggiunto che “incolpare la vittima era un riflesso condizionato della continua occupazione, dell’umiliazione delle persone, del degrado e degli attacchi terroristici del governo israeliano “.

L’ex linguista del MIT ha affermato che essere critici dell’occupazione in Israele oggi significa essere etichettati come traditori, un fenomeno che ha fatto sì che la sinistra scomparisse praticamente dallo spettro politico. Egli ha sottolineato l’opposizione alla situazione nella Striscia di Gaza, che ha paragonato a un campo di concentramento, come esempio della delegittimazione della sinistra.

“Prendi Gaza. Se hai intenzione di mettere due milioni di persone in un campo di concentramento, quello che è in effetti, e metterle sotto un assedio feroce, devi chiederti: sono giustificato a farlo? Le persone che cercano di opporsi sono traditori, amanti degli arabi e così via. Hai già visto questo fenomeno nella storia europea, non devo darti esempi”, ha detto Chomsky.

Parlando di un mito comune nella società israeliana: che una presenza militare in Cisgiordania è necessaria per motivi di sicurezza, Chomsky ha respinto quell’idea dicendo che è vero il contrario; che “un’occupazione militare” della Cisgiordania mette solo a repentaglio la sicurezza di Israele. “Chiedi a qualsiasi analista strategico israeliano. Comprendono tutti che l’occupazione della Cisgiordania è una minaccia per la sicurezza israeliana”.

Chomsky ha continuato presentando una serie di episodi in cui i leader arabi hanno offerto a Israele la pace in cambio del ritiro dalla Cisgiordania, tutti rifiutati da Israele. Israele, ha dichiarato Chomsky a i24NEWS, sta deliberatamente scegliendo l’espansione piuttosto che la sicurezza.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da “MEMO” – https://www.middleeastmonitor.com/20181112-chomsky-echoes-priment-israeli-warns-of-the-rise-of-judeo-nazi-tendencies-in-israel/

 

Traduzione dall’inglese di Leopoldo Salmaso

 

Categorie: Cultura e Media, Diritti Umani, Internazionale, Medio Oriente, Non discriminazione, Nonviolenza
Tags: , , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.