Noi Sardi, mercoledì 7 novembre ore 11.00, davanti al Quirinale a Roma.

Lo Stato Italiano complice nel massacro del Popolo Civile Yemenita, con produzione ed esportazione all’Arabia Saudita delle Bombe Sarde RWM di Domusnovas”.

Caro Presidente Mattarella, Noi Sardi, Donne e Uomini del Popolo Sardo, ci sentiamo obbligati a non stare indifferenti davanti ai crimini e massacro di gente inerme, donne e bambini yemeniti, causato anche dalla fornitura all’Arabia Saudita (paese in guerra contro lo Yemen) delle micidiali bombe prodotte in Sardegna a Domusnovas.

“Il Lavoro deve dare Vita non Morte”. La nostra Costituzione, la Legge italiana (L. 185 / 90) i Trattati Internazionali, non sono rispettati, nonostante crimini e violazioni comprovati e denunciati più volte dalla Stampa italiana, internazionale e dall’Organizzazione delle Nazioni Unite (nel solo mese di agosto 2018, massacrati 300 bambini yemeniti. Dai dati ONU, tra il marzo 2015 e il 9 agosto 2018, uccisi 17 mila civili).

Lo stesso Parlamento Europeo si è pronunciato più volte chiedendo il blocco / embargo sulla fornitura di armamenti all’Arabia Saudita. Il governo italiano continua a tacere, non interviene.

Presidente, Noi Sardi Le abbiamo già inviato dettagliato e certificato resoconto, senza aver avuto Sua risposta. Le chiediamo Suo doveroso e autorevole intervento. Presidente, eserciti i Suoi poteri di Garante della Costituzione e Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, facendo venir meno la complicità dello Stato Italiano nel massacro del Popolo yemenita. Lei è il Custode, il Garante della Costituzione Repubblicana.

Sardegna Pulita – Cagliari Social Forum – USB – Cobas Scuola.