Marciare seguendo Gandhi

26.11.2018 - Redazione Italia

Marciare seguendo Gandhi

Durante l’incontro presso la sede dell’associazione “Energie per i diritti umani” a Roma abbiamo avuto l’occasione intervistare Jill Carr Harris, (attivista per i diritti umani, lo sviluppo e le questioni ambientali,   ha lavorato per il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, l’Agenzia canadese per lo sviluppo internazionale e molte ONG indiane. Moglie del leader indiano Rajagopal, è coordinatrice internazionale di Ekta Parishad e ha ricoperto la stessa posizione per Ekta Mahila Manch -ramo femminile del movimento Ekta Parishad)

Chi, quando e soprattutto perché avete l’idea di questa Marcia Nonviolenta? Marcia Nonviolenta, il significato per voi?

La campagna Jai Jagat (Victory to All) (compresa la formazione nonviolenta, una marcia e un’azione a Ginevra) è nata dal lavoro svolto in India da un’organizzazione sociale, l’Ekta Parishad (Unity Forum) (1) con i poveri senza terra. La difficoltà di mantenere la propria terra di fronte all’urbanizzazione e allo “sviluppo” era difficile. Ekta Parishad trovò che lo stesso accadeva in molti altri paesi. Le azioni locali e nazionali sono state condotte in India per molti anni, perché le comunità dipendenti dalle risorse stavano perdendo le proprie terre, i mezzi di sussistenza e costrette a migrare verso le città e gli slum. Queste condizioni sono state influenzate   anche dagli investimenti globali provenienti da banche e interessi commerciali internazionali. È quindi importante sollevare tali questioni a livello internazionale. Ekta Parishad voleva intraprendere un’azione internazionale in modo nonviolento, nello stesso modo in cui ci siamo esercitati in India. Si trattava di utilizzare il metodo gandhiano di satyagraha o lotta nonviolenta che introduce anche la componente del dialogo nonviolento. Ekta Parishad è stata incoraggiata ad affrontare questo problema con gruppi provenienti da molti luoghi diversi.

Tempistiche e Percorso della Jai Jagat

Ci saranno molte marce che raggiungeranno Ginevra a metà settembre 2020. Una delle più grandi arriverà dall’India. Avrà una componente terrestre che durerà un anno. Partirà dalla tomba di Gandhi a Nuova Delhi il 2 ottobre 2019 per celebrare i 150 anni della nascita di Gandhi. nel corso di un anno arriverà a Ginevra, la città della pace. Il percorso dettagliato è attualmente in fase di pianificazione. La mappa definitiva sarà disponibile nel marzo 2019.

Cosa pianificate durante i vari soggiorni?

Dobbiamo fare in modo che i comitati nazionali locali si costituiscano in vari paesi. Essi si occuperanno dei diversi eventi e della partecipazione locale. La Jai Jagat si occuperà di un gruppo consistente di viaggiatori (circa 25 hanno in programma di viaggiare per tutto il percorso).

Il passaggio in Italia, quando e dove

Attualmente la pianificazione è in corso in Italia. C’è la possibilità che quando la marcia raggiungerà l’Italia ci saranno più di 500 persone provenienti dall’India, soprattutto giovani e persone colpite dallo sfollamento e dall’emarginazione. C’è un piano provvisorio per ospitare ogni mese un paio di conferenze sulla pace, possibilmente una ad Assisi e una a Milano, anche se la finalizzazione sarà disponibile solo nel marzo 2019. Non abbiamo acnora   avuto conferma dagli organizzatori italiani.

L’ingresso in Italia dovrebbe essere la fine di giugno. Si uscirà a fine di settembre 2020 per arrivare a Ginevra il 25 settembre. Il passaggio italiano coincide con la stagione delle vacanze. La speranza è quella di attrarre il maggior numero possibile di famiglie e altre persone alla marcia durante il periodo delle vacanze.

Per ulteriori informazioni visitare il sito,  www.jaijagat2020.org

Andrea Togno

(1)

www.ektaparishad.in

Categorie: Interviste, Nonviolenza
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.