Adottata la Dichiarazione sui Diritti dei Contadini, vittoria storica per i diritti umani

28.09.2018 - Centro Internazionale Crocevia

Adottata la Dichiarazione sui Diritti dei Contadini, vittoria storica per i diritti umani

Ginevra, 28 settembre 2018-  una giornata storica oggi, una svolta netta per contadini, popolazioni rurali e non solo. Riconoscere formalmente i diritti di queste comunità è per l’intero pianeta speranza per un futuro migliore, più giusto, equo e salubre.

I contadini e coloro che vivono in zone considerate rurali sono da sempre i primi a vedere i propri diritti fondamentali -come il diritto al cibo, all’acqua e alla terra- limitati o addirittura negati, così come accade per i diritti politici e civili.

L’adozione della Dichiarazione sui Diritti dei Contadini non riguarda però solo piccoli agricoltori e popolazioni rurali, riguarda tutta la popolazione mondiale. È noto che i contadini con il loro lavoro sono gli unici a poter garantire un vero diritto al cibo e una vera sovranità alimentare, in particolare nei paesi in via di sviluppo dove forniscono fino all’80% del cibo consumato a livello locale. La produzione contadina non è un’alternativa a quella intensiva, è bensì l’unica possibilità per garantire in futuro un’alimentazione sana alla popolazione mondiale in costante crescita ed è anche l’unica strada percorribile per contrastare i cambiamenti climatici e l’erosione costante della biodiversità. Per questo l’adozione odierna della Dichiarazione sui diritti dei contadini da parte del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite non è una grande vittoria solo per contadini, popolazioni rurali e addetti al settore ma è una vittoria per l’umanità intera.

Dal tabellone dei risultati (in foto) è semplice determinare i due blocchi contrapposti: da una parte vi è il gruppo degli astenuti che, con l’eccezione del Brasile (la sua astensione è un messaggio molto forte considerando il ruolo e il numero di contadini e campesinos nel paese) e della Corea del Sud, rappresenta il fronte europeo; la mancata presa di posizione potrebbe essere interpretata come una volontà ostruzionistica nei confronti del documento; vi è poi il blocco dei contrari, solo tre, rappresentati da Australia, Regno Unito e Ungheria. In questo secondo gruppo si può ravvisare da una parte un mai sopito spirito colonialista che di certo non fa, ne ha mai fatto o farà, dei diritti umani la propria bandiera; vi è poi il voto contrario dell’Ungheria, paese che non possiede una vera vocazione agricola dato che vede solo il 5% della popolazione impegnata in attività agricole e che, soprattutto, non è di certo noto per il rispetto di diritti umani in tutte le loro forme.

L’adozione della Dichiarazione, che ora attende l’approvazione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, è frutto di anni di battaglie sociali e politiche intraprese da ONG, organizzazioni e associazioni contadine e della società civile e altre realtà impegnate nella lotta per i diritti.

Ringraziamo La Via Campesina, che ha perorato la causa risultando determinante per l’adozione della Dichiarazione e SPI (Serikat Petani Indonesia), membro de La Via Campesina, rappresentato dal Segretario Henry Saragih.

 

 

Articolo di Mariapaola Boselli per Centro Internazionale Crocevia

Categorie: Internazionale, Questioni internazionali
Tags: , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

Eventi 10 anni di Pressenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.