Legittima difesa

08.08.2018 - Silvia Nocera

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Legittima difesa
(Foto di Wikimedia)

Non c’è emergenza razzismo. Nessuna emergenza. L’emergenza è una sostanza manipolabile, si tira fuori solo quando serve.

In una cittadina delle Marche un fanatico armato spara a caso su giovani africani per la strada. Non è razzismo, si sta vendicando.

Nella città, culla del rinascimento, un sedicente depresso spara a caso su un uomo nero trucidandolo per la strada. Non è razzismo. Voleva solo tirarsi su di morale.

In Calabria un giovane sindacalista di colore viene seccato a colpi di fucile. Non è razzismo. Forse stava rubando. Forse.

Molteplici tiri a segno da auto e moto in corsa su ignari giovani di origine africana che passano per la strada in città del Sud e del Centro Nord Italia. Non è razzismo, sono armi a piombini, pistole e fucili ad aria compressa. Sono solo dei burloni.

Nella capitale un tiro a segno con il fucile a piombino colpisce una bimba rom che rischia di rimanere paralizzata. Non è razzismo, gli è partito il colpo dalla finestra.

In Sicilia un giovane nero viene aggredito mentre lavora, in Lazio un uomo nordafricano viene ammazzato di botte. Non è razzismo, questi sono forse presunti ladri, ci si comincia a fare giustizia da soli. In forma preventiva, sai mai che gli venisse in mente di fare un furto.

Nel civile e nordico Piemonte invece lanciano uova in faccia alle persone. Una giovane nera rischia la cornea. Non è razzismo. Sono idioti che si divertono male.

Scoppia una autocisterna in Emilia: un morto, tanta paura e tanti feriti, un poliziotto diventa un eroe. Le autorità si precipitano a confortare i parenti delle vittime e a congratularsi con l’eroe. Nelle stesse ore in Puglia, un furgone pieno di africani di ritorno dal lavoro nei campi di pomodori si scontra con un tir e muoiono in dodici. È il secondo episodio in pochi giorni e senza dubbio è responsabilità del caporalato. I corpi restano sull’asfalto più di nove ore. Le autorità, dopo essere andate e tornate dall’Emilia, si recano sul posto a promettere giustizia, ma prima di tutto faranno sgomberare il ghetto in cui vivono i braccianti con e senza documenti, senza dire dove li ricollocheranno. Non è razzismo. Si tratta di…, di…

La legittima offesa l’hanno già sdoganata.

Ora vediamo cosa faranno con la legittima difesa.

Categorie: Europa, Opinioni
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.