Africa, una storia da riscoprire. 5 – L’Impero del Ghana

08.07.2018 - Valentin Mufila

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Francese

Africa, una storia da riscoprire. 5 – L’Impero del Ghana
Rovine di Kumbi Saleh, antica capitale dell’Impero del Ghana (Foto di https://i0.wp.com/www.socialup.it)

L’Impero del Ghana fu dopo il Regno di Kush il piu grande impero dell’Africa subsahariana e uno dei piu vasti che l’Africa abbia mai conosciuto.

Nel momento della sua massima espansione (secoli X-XI) comprendeva gli attuali Sudan, Niger, Senegal, Mali e Mauritania e arrivava fino alle porte del Sahara.

Come tanti altri paesi prima delle carestie era una zona bella, prospera e ricca d’oro e  aveva ereditato le conoscenze dell’antico Egitto e della Nubia. Piccoli clan come i Soninké e i Sarakole conquistarono lentamente altre terre. Secondo la tradizione orale l’impero fu creato nell’VIII secolo da Dinga Cissè, un uomo venuto dall’est, ma tra questi clan c’erano anche i berberi del Nordafrica.

L’impero divenne sempre più potente e influente grazie all’oro e alla sua organizzazione politica, tanto da controllare il commercio transahariano. Il Kaya Magan era l’imperatore, il capo spirituale e la massima autorità giudiziaria e viveva nella capitale Kumbi Saleh. Il Senato  era composto da 12 patriarchi discendenti di Dinga Cisse, scelti per le loro conoscenze astronomiche e politiche e per la loro personalità. Furono seguiti dai Nana, 18 generali che avevano il compito di organizzare e difendere l’impero; nove di loro montavano cavalli rossi e gli altri nove cavalli bianchi, mentre i 12 governatori erano chiamati Fado.

L’abbondanza di oro creò una tale invidia che gli Almoravidi (una popolazione berbera) iniziarono a conquistare territori sempre più vasti. La conversione all’Islam produsse altri conflitti; dopo il declino dell’Impero del Ghana sorsero il grande impero del Mali, quello del Bénin e il regno degli Ashanti, uno dei pochi a opporre una forte resistenza agli invasori europei. Tra il 1826 e il 1896 la Gran Bretagna combatté quattro guerre contro gli Ashanti; una delle figure più note della lotta al colonialismo inglese fu la regina Yaa Asantewaa, divenuta un simbolo della resistenza africana all’oppressione coloniale.

Categorie: Africa, Cultura e Media
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.