Via Padova, Milano, catena umana contro il razzismo

06.05.2018 - Milano - Redazione Italia

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Via Padova, Milano, catena umana contro il razzismo
I volontari dell'associazione Abareka

Infine la catena umana c’è stata. Le associazioni e i cittadini di via Padova sono riusciti nell’impresa. Una catena allegra e sorridente che ha voluto in questo modo lanciare un segnale alla via e a Milano: non lasciamo che il razzismo si impadronisca delle nostre menti e dei nostri cuori, teniamolo lontano perché non conviene a nessuno, nemmeno ai razzisti. Ma allo stesso tempo i partecipanti hanno voluto sollecitare le istituzioni a interessarsi maggiormente alle periferie, a moltiplicare i loro sforzi che considerano ancora inadeguati.

Per più di un’ora duemila persone si sono disposte sul marciapiede sinistro della via, a partire dalla rotonda di via Predabissi fino al monumento ai caduti di via don Orione, circa due chilometri più in là. Una catena colorata, a tratti caotica, lungo la quale si cantava, si suonava, si danzava, si salutavano e si abbracciavano gli amici, contenti di ritrovarsi uniti contro un rischio che nei quartieri della via più multietnica di Milano si avverte più che altrove. Gli addetti al servizio d’ordine, chi a piedi chi in bici, riconoscibili per un nastro legato al braccio, hanno faticato a mettere ordine nella catena, che infine si è però miracolosamente formata. Tante mani si sono unite e la strada ha risuonato non di un unico slogan o un unico canto, ma di tantissime voci.

La preoccupazione dei partecipanti alla catena umana è d’altronde comprensibile. Come si fa a non essere preoccupati se in molte scuole dei quartieri del Municipio 2 i bambini nati da genitori immigrati superano la metà degli iscritti? Se nelle case, molte di ringhiera, accanto agli italiani (di cui molti, a loro volta, immigrati) vivono persone e famiglie di un’ottantina di altre etnie? Cosa succede in una via multietnica e multiculturale se prendono piede il pregiudizio, la diffidenza o, peggio il razzismo?

La soddisfazione non si leggeva però solo sulle facce di chi partecipava alla manifestazione, che è stata seguita dalle persone affacciate alle finestre che salutavano e applaudivano. Gli stessi commercianti, una volta capito quello che stava succedendo, offrivano acqua e bevande ai manifestanti. Erano contenti anche loro che finalmente si potesse parlare di via Padova in modo positivo; perché a parlarne male ne soffrono anche i loro affari. Parlando con alcuni promotori della manifestazione, che ci enumerano con dovizia di particolari i problemi più urgenti della via, abbiamo appreso che diversi commercianti hanno lamentato la perdita di clienti, che considerano ormai la strada troppo pericolosa per venirci a far compere, anche in pieno giorno.

La manifestazione finisce con altri canti e alcuni interventi nello slargo che si apre davanti all’ufficio dell’anagrafe e alla parrocchia di San Giovanni Crisostomo. Sono tutti soddisfatti, dai giovani scout, alle donne dei cori, agli artisti e ai musicisti che hanno animato la catena, ai membri delle associazioni promotrici. La “via del mondo” torna al suo solito traffico del sabato sera e iniziano a riempirsi i ristoranti.

Nella pagina Facebook via padova via del mondo si trovano foto e testimonianze in abbondanza sulla bellissima iniziativa di sabato 5 maggio. Qui offriamo una breve rassegna fotografica, che dà comunque l’idea dell’atmosfera che si respirava ieri nella via più multi-etnica di Milano.

 

Categorie: Diversità, Europa, Fotoreportages
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.