Pakistan, rilasciata dopo 20 anni nel braccio della morte

08.04.2018 - Riccardo Noury

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Pakistan, rilasciata dopo 20 anni nel braccio della morte
Sede della Corte Suprema del Pakistan (Foto di Hussain kevin)

Asma Nawab aveva appena 16 anni quando rimase l’unica sopravvissuta al massacro della sua famiglia, avvenuto il 30 dicembre 1988 nella città portuale pachistana di Karachi.

Venne messa sotto accusa insieme al suo fidanzato dell’epoca: i genitori e il fratello di Asma, secondo le conclusioni dell’inchiesta, erano stati uccisi perché si opponevano al matrimonio dei due ragazzi.

Nel 2015, l’avvocato che ha difeso Asma sin dall’inizio ha presentato l’ennesimo disperato appello alla Corte Suprema a sostegno della sua innocenza.

Dopo tre anni, tanto è durato l’esame del caso da parte della massima corte pachistana, il 6 aprile Asma è stata riconosciuta innocente ed è stata scarcerata.

Orfana, dopo 20 anni nel braccio della morte, non sarà facile per Asma ricominciare. Ma una speranza di futuro ora c’è.

Categorie: Asia, Diritti Umani
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 11.12.19

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.