#DifendiamoRiMake!

19.04.2018 - Milano - Redazione Italia

#DifendiamoRiMake!
(Foto di https://www.facebook.com/Ri.make1/)

Assemblea 

Domenica 22 aprile h. 15

Ri-Make, via Astesani 47, Milano

Dopo mesi di stallo, ribussano pessime notizie alla porta dell’ex-BNL recuperata di Milano, da quasi 4 anni riaperta sotto il nome Ri-Make: un provvedimento giudiziario, conseguenza della denuncia della proprietà, pende sullo spazio di Affori. La minaccia dello sgombero diventa concreta.

Dopo una campagna che ha raccolto oltre un migliaio di firme e ha messo sul tavolo delle proposte chiare e concrete per salvare il bene comune che è diventato lo spazio Ri-Make, le attività e i progetti hanno continuato a crescere, resistendo e insistendo.

Sono stati mesi in cui migliaia di persone sono venute a mangiare con noi la domenica al pranzo popolare, ad attraversare le mostre d’arte indipendente, a serigrafare una maglietta, a suonare per un concerto, a vedere un film, a discutere e informarsi, a organizzarsi e difendersi contro lo sfruttamento, la violenza, l’esclusione.

Oggi, come mesi fa e come sempre, due certezze segnano questo lungo percorso:

– Lo sgombero di Ri-Make, come di tutti gli spazi di solidarietà e mutuo soccorso, non sarà mai un affare di pochi. Lo sgombero di Ri-Make sarà un problema dell’intera città di Milano ed è in questa prospettiva che guardiamo ai giorni e alle settimane a venire.

Siamo nati per fare spazio a rapporti di mutuo aiuto in un luogo di abbandono decennale e speculazione. Ora gli stessi fini speculativi minacciano di cancellare quest’intensa storia di partecipazione e solidarietà con la forza e i sigilli. E’ tempo di gridare questa storia ancora più forte e opporsi insieme a tutte e tutti coloro che pensano tutto questo sia semplicemente dannoso, distruttivo e ingiusto.

– Lo spazio Ri-Make è da sempre una necessità.

Chi si è trovato ad entrarci, a organizzarsi e a passarci per un minuto come per anni, lo ha fatto per rispondere con la solidarietà a dei bisogni urgenti. Sono i bisogni sociali di chi non arriva a fine mese, di chi non si può permettere un luogo per lavorare, di chi vive sul proprio corpo la violenza di genere, razzista e classista tutti i giorni. Sono i bisogni di chi cercava aiuto e non ha trovato riposte al di fuori di Ri-Make.

Per questo chiediamo il sostegno e la solidarietà a tutte le persone, a tutti i collettivi e progetti che hanno attraversato lo spazio partecipando alle sue attività, percorsi e iniziative; chiediamo il supporto a tutte le persone che pensano che questo spazio e questi progetti siano fondamentali nella città di Milano. Se fino ad oggi Ri-Make ha significato supporto materiale per svariate situazioni e soggettività, ora Ri-Make ha bisogno del supporto di tutt* per esistere.  Questa per noi è la forza del mutuo soccorso.

Ancora una volta chiediamo dunque l’apertura nel più breve tempo possibile di un tavolo con la giunta del Comune di Milano | Palazzo Marino, per affrontare in modo pubblico e concreto questa situazione.

Invitiamo tutte e tutti quelle/i che vogliono prendere parte e sostenere questo percorso a un’#assemblea #domenica #22aprile alle 15, dopo un pranzo insieme e durante il mercato dei piccoli produttori. Abbiamo bisogno di radunare tutte le idee, le proposte, le disponibilità e capire insieme, con le vostre teste e i vostri corpi, come preservare questo percorso e continuare a farlo vivere.

Difendiamo il mutuo soccorso e la solidarietà, proteggiamo l’ex-BNL e i progetti che l’hanno recuperata.

 

Categorie: Comunicati Stampa, Diritti Umani, Europa
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.