Messico: uccisa un’altra attivista per l’ambiente e per i diritti delle popolazioni indigene

22.01.2018 - México - El Ciudadano

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Messico: uccisa un’altra attivista per l’ambiente e per i diritti delle popolazioni indigene
(Foto di Foto di El Ciudadano)

Campanur Guadalupe, un giovane attivista nella lotta per la restituzione del territorio comunale di Cheran, Michoacan, è stato uccisa questa settimana nelle vicinanza di Chilchota, secondo le informazioni fornite dai difensori che ora chiedono giustizia per il crimine.

Diverse organizzazioni civili locali hanno denunciato nei social network il crimine contro Campanur, di 32 anni. Attivisti, giornalisti che la conoscevano, familiari e amici, lanciarono una campagna sotto l’hashtag #JusticiaparaLupita per chiedere che il suo omicidio non restasse impunito.

Secondo le informazioni fornite da Coordinadora Feminista nel suo account di Facebook, il corpo di Guadalupe è stato trovato venerdì fuori Chilchota, Michoacán, al bivio in direzione di Zamora, nei pressi di Tanaco, dopo diversi giorni dalla sua scomparsa.

“è stato un femminicidio, inoltre rappresenta una violazione della comunità strategica, in quanto lei era una delle attiviste storiche e tra le più attive”, ha affermato Coordinadora Feminista.

La giovane donna è stata un membro attivo nella lotta per la sicurezza, la giustizia e la restituzione del territorio comunale dall’inizio del movimento nel 2011, fino ad oggi. Inoltre, è stata una dei fondatori delle Ronde Comunitarie e, in particolare, dei Guardaboschi di Cherán.

“È stata la prima donna a diventare una guardia forestale nonostante gli ostacoli, una delle voci critiche che ha evidenziato le contraddizioni interne perché sapeva che la lotta veniva costruita giorno per giorno, dal piccolo e dal quotidiano”, ha scritto la giornalista Alejandra Guillén, sul suo account Facebook.

Secondo la famiglia e gli amici, Lupita partecipava al progetto “conoscere e riconoscere il territorio di Cherán Kéri”. “Il suo femminicidio fa male a livello personale, comunitario e globale, non solo perché è un crimine contro una donna, ma soprattutto per la sua partecipazione nella comunità, la sua assenza colpisce profondamente in termini di sicurezza”, ha detto Carolina Iunuen, amica e compagna attivista.

Nelle ultime ore, il procuratore generale di Michoacán ha confermato in un comunicato stampa che il corpo della ragazza si trovava al 15 ° chilometro dell’autostrada Carapan-Playa Azul, nella zona chiamata Irapio.

L’autorità non ha fornito ulteriori dettagli perché “a causa delle condizioni di decomposizione in cui si trovava il corpo, fino ad ora la causa della morte non è stata determinata, per questo procedono le indagini”.

traduzione dallo spagnolo di Mariapaola Boselli

L’articolo originale può essere trovato sul sito web dei nostri partner

 

Traduzione di Mariapaola Boselli

Categorie: America Centrale, Ecologia ed Ambiente, Internazionale, Popoli originari
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.