La Corte Suprema russa sospende l’ordine di espulsione di un giornalista uzbeco

27.01.2018 - Riccardo Noury

La Corte Suprema russa sospende l’ordine di espulsione di un giornalista uzbeco

Gay, attivista di Amnesty International e giornalista del quotidiano indipendente russo “Novaya Gazeta”: una miscela letale per Khudoberdi Nurmatov, meglio conosciuto come “Ali Feruz”, che dallo scorso agosto le autorità di Mosca cercano di rimandare in Uzbekistan, dopo averlo arrestato e avergli negato l’asilo politico.

Nato in Russia e poi trasferitosi in Uzbekistan, paese del quale aveva preso la cittadinanza a 17 anni, nel 2009 Ali Feruz era stato avvicinato dai servizi segreti locali, che gli avevano chiesto di diventare un loro informatore. Al rifiuto, era stato arrestato e torturato. Per questo motivo aveva lasciato il paese e, dopo due anni di peregrinazioni, era arrivato in Russia. Il percorso opposto, il 24 gennaio, è stato provvisoriamente interrotto dalla Corte Suprema che ha ordinato la revisione del caso.

L’Uzbekistan è agli ultimi posti delle classifiche sulla libertà di stampa e criminalizza la “sodomia”. Per i dissidenti non c’è altro destino che un processo-farsa, preceduto dalla tortura e seguito da una dura condanna.

Recentemente, la Germania ha fatto sapere che è disponibile a concedere un permesso di soggiorno temporaneo ad Ali Feruz. C’è da sperare che i giudici russi tengano conto di questa novità.

Categorie: Asia, Diritti Umani, Europa, Opinioni
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.