Campagna del Centro di Ricerca per la Pace e i Diritti Umani di Viterbo

Vi preghiamo di voler scrivere al Presidente della Repubblica di non sciogliere prematuramente le Camere, e di dare al Parlamento il tempo necessario a deliberare l’adesione al disarmo atomico e la cittadinanza a tutti i bambini che sono nati e vivono in Italia.
Il modo più semplice e sicuro per mandare messaggi al Presidente della Repubblica è attraverso il sito www.quirinale.it nella home page cliccando in alto a destra sul simbolo della busta postale e poi compilando il modulo.
I messaggi devono essere brevi (meno di cinquemila caratteri); un possibile modello può essere il seguente:
“Egregio Presidente della Repubblica,
poiche’ nulla la costringe a sciogliere le Camere durante le vacanze natalizie (giacché nulla impone che si debba andare al voto entro il mese di marzo, e come già in passato si può benissimo fissare la data delle elezioni politiche entro giugno), dia al Parlamento il tempo di deliberare su due temi di grande importanza: 1. in pro dell’adesione e della ratifica al Trattato Onu del 7 luglio 2017 per la proibizione delle armi nucleari; 2. in pro del riconoscimento della cittadinanza italiana ai bambini nati in Italia e che in Italia vivono e studiano (la legge cosiddetta sullo “ius soli – ius culturae” già approvata anni fa dalla Camera dei Deputati che attende solo di essere confermata dal voto del Senato).
Confidando nella sua attenzione e nel suo discernimento, augurandole ogni bene,
Firma, luogo e data, recapito del mittente”.
Facciamo sentire al Presidente della Repubblica anche la nostra voce.