In memoria di Enzo Tiezzi. Un incontro a Viterbo per il disarmo atomico

20.12.2017 - Peppe Sini

In memoria di Enzo Tiezzi. Un incontro a Viterbo per il disarmo atomico

La mattina di mercoledi’ 20 dicembre 2017, come prosecuzione dell’iniziativa territoriale suscitata dalla Carovana delle donne per il disarmo nucleare, si e’ svolto a Viterbo presso il “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” un incontro in memoria di Enzo Tiezzi, l’illustre scienziato e militante ambientalista.
Nel corso dell’incontro il responsabile della struttura nonviolenta viterbese ha recato una commossa testimonianza personale e sono poi stati letti e commentati alcuni brani dalle opere principali di Tiezzi, particolarmente da “Tempi storici, tempi biologici”, libro che all’epoca della pubblicazione fu uno dei testi di riferimento per quanti si impegnavano nei movimenti pacifisti ed ecologisti.

Le persone partecipanti all’incontro, oltre ad esprimere il loro sostegno all’appello affinche’ l’Italia ratifichi al piu’ presto il trattato Onu di proibizione delle armi nucleari del 7 luglio 2017, hanno espresso altresi’ ancora una volta il loro sostegno anche all’appello “Una persona, un voto” per il riconoscimento del diritto di voto a tutte le persone residenti in Italia, all’appello affinche’ sia riconosciuto a tutti gli esseri umani il diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro, ed all’appello affinche’ il Senato deliberi in via definitiva la legge sullo “ius soli / ius culturae”. Hanno espresso altresi’ il loro sostegno all’iniziativa per l’abrogazione dell’ergastolo; e la loro solidarieta’ alla “Casa internazionale delle donne” di Roma.

A conclusione dell’incontro le persone partecipanti hanno condiviso la seguente lettera alle ed ai parlamentari italiani:
“Gentilissime e gentilissimi parlamentari,
si e’ conclusa da pochi giorni a Roma la Carovana delle donne per il disarmo nucleare che per settimane ha attraversato tante citta’ italiane per diffondere e sostenere l’appello affinche’ l’Italia ratifichi il Trattato Onu di proibizione delle armi nucleari del 7 luglio 2017, un trattato che costituisce un necessario reale progresso per il bene comune dell’umanita’.
Gia’ numerosi parlamentari italiani hanno espresso la loro personale adesione a questo appello, ma riteniamo che l’adesione possa e debba essere unanime.
In queste settimane ripetutamente il pontefice cattolico ha dato voce alla preoccupazione dell’intera umanita’ ed invitato a un impegno corale per l’eliminazione delle armi atomiche prima che esse distruggano innumerevoli vite e la stessa civilta’ umana.
E l’attribuzione del Premio Nobel per la Pace all’Ican – la rete delle campagne, delle associazioni e dei movimenti impegnati per il disarmo nucleare – ha evidenziato come ovunque si avverta che questo impegno e’ improcrastinabile.
E non vi e’ persona assennata che non tremi dinanzi alla minacciosa escalation della crisi coreana.
All’invito di tante autorevoli istituzioni e personalita’ vorremmo aggiungere anche il nostro: vogliate legiferare al piu presto un atto che ogni persona ragionevole ritiene necessario ed urgente: l’Italia ratifichi il Trattato Onu di proibizione delle armi nucleari”.

Il “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo

 

Categorie: Comunicati Stampa, Europa, Pace e Disarmo
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.