Zimbabwe, scagionato il pastore Mawarire

29.11.2017 - Riccardo Noury

Zimbabwe, scagionato il pastore Mawarire

Dallo Zimbabwe arriva la prima buona notizia dell’era post-Mugabe.

Il pastore Evan Mawarire, fondatore del movimento #Thisflag e promotore dal 2016 di proteste nonviolente contro la corruzione, la crisi economica e le violazioni dei diritti umani, è stato scagionato dalle accuse di “sovversione” e “offesa alla bandiera nazionale”. Mawarire era stato arrestato il 31 gennaio e rilasciato su cauzione in attesa del processo.

Già l’anno scorso, a luglio, il pastore era finito nel mirino del governo quando era stato arrestato per “incitamento alla violenza” dopo che aveva convocato e diretto uno sciopero generale. In seguito un giudice indipendente aveva dichiarato incostituzionale il suo arresto e aveva annullato le accuse.

Dunque la notizia è davvero buona. Ma siccome, come si dice, una rondine non fa primavera, aspettiamo di vedere se davvero il presidente Mnangagwa è intenzionato a rispettare la cultura dei diritti umani, che aveva sempre trovato modo di esprimersi anche nei decenni di regime autoritario di Mugabe.

 

Categorie: Africa, Diritti Umani
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 16.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.