Parità di genere: progressi lenti in un Europa diseguale

30.10.2017 - Anna Toro - Unimondo

Parità di genere: progressi lenti in un Europa diseguale
(Foto di Lo Sbuffo)

In Islanda è stata approvata quest’anno una legge che impone ai datori di lavoro di dimostrare che lo stipendio erogato ai propri lavoratori, a parità di mansione, sia lo stesso per uomini e donne. Una misura che non stupisce in un paese da decenni all’avanguardia nelle politiche sulla parità di diritti e opportunità tra i sessi, e a cui il resto dell’Europa – Italia in primis – dovrebbe ispirarsi. Troppo lenti, infatti, i progressi del continente nel suo complesso rispetto al tema dell’uguaglianza di genere, tanto che, secondo il Gender Equality Index 2017 di Eige (l’European Institute for Gender Equality), uscito a ottobre, il punteggio totale dell’Ue, in una scala da 1 a 100, è di soli quattro punti più alto rispetto a dieci anni fa. “Stiamo procedendo a passo di lumaca e siamo ancora molto lontani dall’essere una società che ha realizzato la parità di genere – ha dichiarato Virginija Langbakk, che dirige l’Istituto – in tutti i paesi dell’Unione europea ci sono margini di miglioramento e in alcuni ambiti il divario si è addirittura ampliato rispetto a dieci anni fa”. Secondo il report, infatti, due terzi degli Stati membri è ancora sotto la media europea e negli ultimi dieci anni ben 12 paesi hanno perso punti in una delle sei macro aree analizzate: uguaglianza su lavoro, soldi, istruzione, tempo, salute e potere. Se in testa troviamo come al solito i paesi scandinavi (si tratta di Svezia e Danimarca, mentre l’Islanda non ha partecipato a queste rilevazioni), l’Italia fa registrare finalmente una buona notizia: si tratta infatti del paese che ha registrato il miglioramento più ampio, guadagnando ben 12.9 punti e posizionandosi così al 14° posto nella classifica generale. Certo, sempre al di sotto della media Ue, ma con una posizione nettamente più favorevole rispetto a dieci anni fa.

Sono soprattutto il potere e l’istruzione i domini che hanno fatto guadagnare punti al nostro paese. Lo slancio è arrivato dalla Legge Golfo-Mosca del 2012, che prevede che un terzo dei posti nei consigli di amministrazione e dei collegi sindacali delle società quotate e partecipate pubbliche sia riservato alle donne. E’ il cosiddetto sistema delle “quote rosa”, spesso criticato, che però ha permesso di passare da un misero dal 5,9% di rappresentanza femminile nel 2008 a oltre il 30% nel 2015. Se invece nel campo della politica c’è ancora molta strada da fare (la rappresentanza nel parlamento italiano è di molto inferiore rispetto ai paesi scandinavi), è sul lavoro che le grandi differenze permangono e colpiscono più duramente. Secondo il Global gender gap report del World Economic Forum, altro strumento che misura la disuguaglianza di genere ma a livello mondiale, l’insieme delle donne italiane percepisce il 52 per cento dei redditi guadagnati dall’insieme degli uomini, tra salari minori, maggior utilizzo del part-time da parte delle donne (spesso non voluto), difficoltà nel raggiungimento di posizioni apicali, secondo la classica metafora del “glass ceiling” (il “soffitto di cristallo”): si tratta di tutte quelle situazioni in cui l’avanzamento di carriera di una persona in una qualsiasi organizzazione lavorativa o sociale, o il raggiungimento della parità di diritti, viene impedito per discriminazioni – in questo caso di genere – che si frappongono come barriere insormontabili anche se apparentemente invisibili.

“I divari di genere persistono e in alcuni domini sono ancora più ampi rispetto ad un decennio fa” ribadisce ancora Virginija Langbakk, riferendosi all’Europa nel suo complesso e al rapporto Eige. E anche per quanto riguarda l’Ue i progressi nella macro area del lavoro sono stati definiti stagnanti, anche se le situazioni differiscono, ovviamente, da stato a stato. “La segregazione dei sessi nell’occupazione persiste e vi sono ancora ostacoli all’accesso al mercato del lavoro, soprattutto per le donne con disabilità e per le donne con scarsa qualificazione” si legge. Il dominio del denaro appare invece migliorato, anche se tra le criticità viene indicato un divario tra i sessi nei guadagni del 20%, che però diventa quasi il doppio per le coppie con figli e genitori soli, indicando un “gap retributivo maternità”: “Nel corso della vita, queste ineguaglianze portano ad una maggiore esposizione alla povertà per le donne in età avanzata e un divario di pensione di genere del 40%”.

Un capitolo particolarmente critico riguarda infine il dominio del tempo, dove le disuguaglianze di genere sono persistenti e crescenti, tanto che il report in dieci anni non ha mai registrato alcun miglioramento. Succede che solo ogni terzo degli uomini si impegna quotidianamente nella cucina e nei lavori domestici per un’ora o più, onere che diventa ancora più elevato tra le donne immigrate. Un allarme a suo tempo già lanciato dall’Ocse e che non risparmia – anzi! – il nostro paese: lo chiamano “lavoro non pagato”, ovvero quello per la cura dei figli, dei parenti e della casa e le donne italiane vi dedicano in media oltre cinque ore al giorno, ponendosi al quarto posto tra i paesi analizzati. Il dato si collega direttamente al problema della scarsa collaborazione dei partner: secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, con appena 100 minuti al giorno di media, gli uomini italiani si piazzano al quarto posto tra i meno impegnati nelle attività di cura della famiglia. Un divario che purtroppo ha forti radici socio-culturali, tra ruoli irrigiditi e prestabiliti, un contesto che spesso costringe la donna a scegliere tra famiglia e lavoro, senza la possibilità di conciliazione, urgenza al giorno d’oggi quanto mai necessaria. Insomma, un’ingiustizia che si somma alle altre, e che secondo Virginija Langbakk dell’Eige starebbe già attirando l’attenzione dei responsabili politici: la Commissione Europea avrebbe infatti già presentato un “pacchetto di equilibrio tra lavoro e vita” con misure concrete per affrontare la questione. “L’uguaglianza di genere è fondamentale per una crescita intelligente e sostenibile dell’Unione europea – spiega Langbakk – Non solo promuove lo sviluppo economico ma contribuisce anche al benessere complessivo e ad una Europa più inclusiva e più giusta per le donne e gli uomini. Eppure, sebbene siano stati compiuti notevoli progressi nel miglioramento del livello di parità tra i sessi, è ancora necessario continuare a lavorare in tutti gli Stati membri”.

Categorie: Diritti Umani, Europa, Opinioni
Tags: , , , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.