Usa, rilasciato bambino di tre anni da un centro di detenzione per immigrati

08.08.2017 - Riccardo Noury

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Usa, rilasciato bambino di tre anni da un centro di detenzione per immigrati
(Foto di Amnesty International)

Dopo aver trascorso poco più della metà della sua vita in prigione e aver imparato a camminare e a parlare nel chiuso di una cella, finalmente il 7 agosto “Josué”, 3 anni, è stato rilasciato insieme alla mamma Teresa, 28 anni, dal “Centro residenziale” (in pratica, un centro di detenzione per immigrati) di Berks, Pennsylvania, Usa.

Madre e figlio erano fuggiti dall’Honduras (il paese dell’America centrale che insieme a El Salvador e Guatemala vanta livelli record di violenza), dopo ripetute minacce di violenza sessuale e di rapimento.

Entrati negli Usa per chiedere asilo politico, erano stati portati a Berks: vi hanno trascorso 16 mesi.

Il loro non è l’unico caso su cui Amnesty International Usa ha lanciato una campagna per porre fine alla detenzione dei bambini e dei loro genitori reclusi a Berks e in altri due centri analoghi del paese. Solo a Berks vi sono decine di nuclei familiari in queste condizioni e tre famiglie sono lì da oltre 600 giorni.

 

Categorie: Diritti Umani, Nord America
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.