Grecia, la Corte Europea contro traffico di esseri umani e lavoro forzato

31.03.2017 - Riccardo Noury

Grecia, la Corte Europea contro traffico di esseri umani e lavoro forzato
(Foto di Vasilis Ververidis, Stock Photo)

Nell’aprile 2013 alcuni vigilantes di un’azienda di produzione di fragole di Manolada, nella Grecia meridionale, aprirono il fuoco contro 42 lavoratori del Bangladesh che reclamavano il pagamento del salario. Trenta di loro rimasero gravemente feriti.

Amnesty International si recò sul posto, verificando l’esistenza di condizioni di lavoro agghiaccianti: decine di lavoratori migranti, alcuni dei quali minorenni, vivevano ammassati in alloggi fatiscenti, senza acqua potabile né servizi igienici.

Ventuno dei 30 lavoratori feriti decisero di rivolgersi alla Corte Europea dei Diritti Umani.  Il 30 marzo, con la sentenza Chowdury e altri contro la Grecia, la Corte ha dato loro ragione. La sentenza è chiara: 42 lavoratori migranti del Balgkadesh furono vittime di traffico di esseri umani e vennero sottoposti a lavoro forzato nell’azienda di Manolada. La Grecia non rispettò i suoi obblighi di contrastare il traffico di esseri umani e di proteggere i lavoratori migranti, nonché di svolgere un’indagine sull’episodio in cui furono coinvolti e di punire i responsabili.

Ora sta alla Grecia impedire che quei fatti orribili di quattro anni fa si ripetano ancora.

Categorie: Diritti Umani, Europa
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.