L’Ilva non raggiunge il “punto di pareggio” fra costi e ricavi

15.08.2016 - Alessandro Marescotti

L’Ilva non raggiunge il “punto di pareggio” fra costi e ricavi
(Foto di urbanpost.it)

Per continuare la produzione, l’ILVA si indebita sempre di più. Il mercato internazionale dell’acciaio è in crisi per sovrapproduzione. E il principale cruccio del governo è oggi quello di capire dove trovare i soldi per tamponare l’emorragia finanziaria di questa acciaieria che perde due milioni e mezzo di euro al giorno. Una massa di denaro di gran lunga superiore alla somma di tutti gli stipendi di tutti i lavoratori dell’ILVA.

Questo significa che se tutti gli operai dell’ILVA lavorassero gratis, l’azienda sarebbe comunque in perdita per circa un milione e mezzo di euro al giorno. L’ILVA è in rosso quindi non perché paga gli stipendi ma perché non riesce a stare più sul mercato. Invece di fare profitti accumula perdite per ragioni strutturali. La questione di fondo è semplice: sotto i 7 milioni di tonnellate anno l’ILVA non raggiunge il “punto di pareggio” fra costi e ricavi. Non raggiunge quello che gli esperti chiamano break even point. I numeri sono impietosi. Dopo aver prodotto 8,3 milioni di tonnellate di acciaio nel 2012, l’ILVA è scesa a 5,8 nel 2013. I governi hanno pensato di fermare la magistratura, pensando che la causa della discesa della produzione fosse i giudici. E invece no.

Nonostante dieci decreti, che hanno dato mano libera alle ragioni della produzione, ecco che la produzione ILVA ha continuato a rimanere sotto il “punto di pareggio” di 7 milioni di tonnellate anno. I dati sono questi: 6,4 nel 2014 e solo 4,9 nel 2015.

Che fare allora? Il governo vuole vendere la fabbrica, per sbarazzarsi di un problema senza soluzione, dato che persino la Cina ha cominciato a chiudere le acciaierie più inquinanti e a ridurre la produzione di acciaio, prima volta nella sua storia recente. L’obiettivo del governo italiano è quello di ritardare l’affondamento della nave che imbarca acqua, cercando – al momento dell’inabissamento – di non apparire tuttavia responsabile del disastro.

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Economia, Europa, Opinioni
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

Eventi 10 anni di Pressenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.