A Siracusa il gioco del rispetto

19.06.2016 - Stonewall - Carmen Bellone - Redazione Italia

A Siracusa il gioco del rispetto
(Foto di tumbir.com)

Lunedì 27 giugno, alle ore 17,00 presso il 3° Istituto Comprensivo “Santa Lucia” sito in viale Teocrito n.63, l’associazione STONEWALL in collaborazione con le associazioni Arciragazzi Siracusa, Zuimama Arciragazzi, Arci e Rete Centri Antiviolenza di Siracusa, con il patrocinio del Comune di Siracusa (Assessorato Politiche scolastiche, Educative, Giovanili, Infanzia e Pari opportunità) ha il piacere e l’onore di presentare, all’interno delle attività previste per “SIRACUSA CITTA’ EDUCATIVA”: “IL GIOCO DEL RISPETTO – Imparare le pari opportunità giocando”

Pari o dispari? Il gioco del rispetto” è un progetto che nasce a Trieste, in Friuli Venezia Giulia, nell’ambito delle attività di prevenzione della violenza di genere e di promozione delle pari opportunità tra uomini e donne.

Le discriminazioni tra uomo e donna sono una realtà molto ben radicata nella cultura italiana e come accade quando si lavora per un cambiamento culturale, è necessario partire dall’educazione delle nuove generazioni per risolvere strutturalmente il problema. Molte scuole hanno iniziato dei percorsi formativi per insegnare a studenti e studentesse a rispettarsi fra di loro e rifiutare la violenza, ma la maggior parte di questi interventi avviene nelle scuole primarie, secondarie o superiori, quando cioè gli stereotipi di genere sono già ben radicati tra ragazzi e ragazze e costituiscono terreno fertile per una visione distorta e iniqua dei rapporti tra generi.

Per questo motivo il progetto “Pari o dispari? Il gioco del rispetto” vuole partire dall’età dell’infanzia, quando cioè bambini e bambine sono ancora permeabili ai concetti di libertà di espressione e di comportamento, al di là degli stereotipi.

Parlare di uguaglianza e parità non significa annullare le differenze tra maschi e femmine né agire sull’identità di genere. Si tratta al contrario di prestare attenzione a quanto gli stereotipi concorrano a perpetrare una cultura poco equa tra i sessi, limitante nella libertà di espressione delle emozioni, nella scelta del percorso di studi e professionale, nella distribuzione del lavoro di cura e domestico. Andare oltre alle rigide stereotipie sui ruoli di genere permetterà di pensare, per le nuove generazioni, società più paritarie e rispettose.

Il progetto è stato ideato e realizzato da Lucia Beltramini, psicologa e ricercatrice, esperta in prevenzione e contrasto alla violenza su donne e minori; dott. di ricerca in neuroscienze e scienze cognitive e Benedetta Gargiulo, copywriter e consulente di comunicazione, si occupa di diversity management nelle aziende e forma i creativi di domani a un uso consapevole dell’immagine della donna in pubblicità. Inventa progetti per migliorare la cultura delle pari opportunità in Italia.

A Siracusa il progetto ed il gioco verranno presentati ad insegnanti e a tutti coloro che sono impegnati, a vari livelli e in vari ambiti, nel difficile compito dell’educazione, proprio dalla dott.ssa BENEDETTA GARGIULO.

Ecco il programma dell’evento:
Saluti e brevi interventi:
Assessora scolastiche, Educative, Giovanili, Infanzia e Pari opportunità Valeria Troia
Presidente di Stonewall, Tiziana Biondi
Presidente di Arciragazzi Siracusa, Pino Pennisi
Presidente di Zuimama Arciragazzi, Cristina Aripoli
Presidente Arci Siracusa, Simona Cascio
Presidente Rete Centri Antiviolenza Siracusa, Raffaella Mauceri

RELAZIONERA’ E PRESENTERA
“Pari o dispari? Il gioco del rispetto”
la dott.ssa BENEDETTA GARGIULO
docente ed esperta progetti sulle Pari Opportunità

 

Categorie: Comunicati Stampa, Cultura e Media, Educazione, Europa
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.