Paraguay, massacro di Curuguaty, la pubblica accusa chiede la condanna dei campesinos

15.06.2016 - Francesco Cecchini

Paraguay, massacro di Curuguaty, la pubblica accusa chiede la condanna dei campesinos
(Foto di http://www.barricadatv.org/)

A quattro anni dal massacro di Curuguaty del 15 giugno 2012, che vide la morte di 17 persone, restano molti punti oscuri, ma è chiara la volontà, tutta politica, della Pubblica Accusa di far condannare undici campesinos accusati della morte di sei poliziotti, mentre nessuno è accusato per quella di undici campesinos.  La Pubblica Accusa sostiene che furono i contadini a tendere un’imboscata a un centinaio di poliziotti inviati a sloggiarli dalla terra di proprietà pubblica, Marina Kué a Curuguaty, che questi occupavano perché venisse inclusa nella riforma agraria.

Presenti i famigliari dei campesinos assassinati e di varie organizzazioni a sostegno degli accusati, la Pubblica Accusa ha affermato che le testimonianze e le prove dimostrano scientificamente la colpevolezza degli 11 campesinos (sic!). Secondo Nelson Ruiz gli imputati Rubén Villalba e Luis Olmedo spararono contro agenti disarmati. Lo stesso ha detto la sua collega Liliana Alcaraz, citando tra gli altri il commissario Miguel Anoni, che diresse le operazioni. E così via. La Pubblica Accusa ha chiesto una sentenza esemplare che serva di monito ad altri campesinos che volessero occupare delle terre. La difesa e diverse organizzazioni politiche e sociali paraguaiane sostengono che fino ad oggi molte domande sono rimaste senza risposta. Ė poco credibile pensare che sei agenti del Grupo Especial de Operaciones (GEO) siano stati assassinati  in pochi secondi da una cinquantina di campesinos, tra cui donne e bambini, armati di schioppi, una pistola, machetes e bastoni. Inoltre fin dall’inizio la difesa ha sostenuto che vari poliziotti furono uccisi dai colpi sparati da alcuni colleghi e ha contestato il fatto che non si siano realizzate autopsie e si siano perse le radiografie per determinare il tipo di pallottole. L’accusa ha rifiutato queste ipotesi, basandosi sulla perizia balistica di un perito della polizia, César Silguero e dal medico forense, che senza alcuna base scientifica affermano che le morti dei poliziotti sono dovute a colpi sparati dai fucili dei campesinos.

Di fatto il Pubblico Ministero riconosce che è impossibile stabilire chi uccise chi. Per questo l’accusa è di tentato omicidio colposo, anche se ultimamente Rubén Villalba e Luis Olmedo sono stati indicati come coloro che uccisero il sotto commissario Erven Lovera. Una delle critiche principali all’indagine del Pubblico Ministero Jalil Rachid è che non tentò mai chiarire chi uccise gli undici campesinos, focalizzandosi sulla ricerca dei responsabili della morte dei sei polizotti.  Per questo Jalil Rachid fu promosso.

I campesinos sono inoltre accusati di invasione di immobile privato e di associazione criminale.

La sentenza dovrebbe arrivare a giorni.

Importante. Negli stessi giorni la Comisión de Familiares y Víctimas de la masacre de Curuguaty ha chiesto ufficialmente alla Procura dello Stato di indagare sulla morte degli undici campesinos assassinati assieme ai sei poliziotti. La richiesta è appoggiata dal Presidente della Camera dei Deputati, Hugo Velásquez.

Categorie: Diritti Umani, Sud America
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.