Alla ricerca dell’oro opaco

02.12.2015 - altreconomia

Alla ricerca dell’oro opaco
Miniera d’oro di Grasberg, Indonesia (Foto di Mgiganteus)

 “Il mercurio entra direttamente nell’organismo accumulandosi nel sistema nervoso centrale, periferico e anche nei capelli”. Così Ivano Vassura, docente alla facoltà di Chimica industriale dell’Università di Bologna, descrive i risultati di una ricerca condotta in Indonesia, tra le miniere d’oro artigianali e illegali, che ne producono ogni anno tra le 65 e 100mila tonnellate. L’arcipelago del Sud-est asiatico è uno dei tre paesi al centro dei reportage dall’industria estrattiva cui Altreconomia dedica la copertina del numero di dicembre 2015, “Oro opaco”.

Gli altri due sono la Mongolia e il Perù. Nel primo caso, da oltre 20 anni le compagnie minerarie contaminano l’acqua che serve a circa 100.000 pastori nomadi. Le analisi hanno evidenziato una concentrazione di alluminio quasi 900 volte superiore rispetto a quella prevista dall’OMS. Nel secondo -che vede il 20% del territorio in concessione a compagnie minerarie- il caso Cajamarca è utile a spiegare come funziona l’industria globale dell’oro. Quello estratto in Perù viene “raffinato” in Canton Ticino, trasformato in India e Dubai e venduto all’ingrosso in almeno 60 paesi.

 

 

Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Salute
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.