Petizione in Toscana per salvare il paesaggio

23.02.2015 - Redazione Italia

Petizione in Toscana per salvare il paesaggio
(Foto di Salviamo il Paesaggio)
Cari amici e amiche vi  invitiamo a firmare e diffondere questa petizione per salvare il piano paesaggistico della Toscana che, prima degli stravolgimenti attuali, conteneva salvaguardie per la tutela delle Alpi Apuane le montagne devastate dall’ escavazione del marmo e del carbonato di calcio.
Qui sotto il link alla petizione e di seguito il testo:
 
Ritirate il maxiemendamento! 
Il Piano Paesaggistico della Regione Toscana era arrivato ad un punto di compromesso tra gli industriali del marmo, i cittadini, le associazioni ambientaliste e tutti gli attori coinvolti. Ad oggi il PD ha presentato un maxiemendamento che di fatto stravolge completamente il Piano Paesaggistico. Un colpo di spugna che toglie tutte le tutele per il paesaggio dalle Alpi Apuane, devastate dall’escavazione del marmo, fino alle spiagge. Un colpo basso della politica, una prepotenza che ci impone di schierarci per la salvezza di questa importante legge per il governo del territorio e la salvaguardia di una regione unica come la Toscana. Ci appelliamo al Consiglio regionale, alla giunta e al Presidente Rossi che facciano un dietro front e si approvi il piano così come era prima del maxiemendamento,
Salviamo dalla distruzione le Alpi Apuane!
Petizione promossa da Comitati e Associazioni ambientaliste.
Categorie: Ecologia ed Ambiente
Tags: , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 19.02.20

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.