Yemen: il colpo di stato dei ribelli

20.01.2015 - Avanti On Line

Yemen: il colpo di stato dei ribelli

Di Liberato Ricciardi

La situazione resta confusa nella capitale dello Yemen, ma Sanaa è ormai in mano ai ribelli sciiti che si sono impossessati del palazzo presidenziale, attuando così il colpo di stato. “Sono dentro”, sono le parole del colonnello Saleh al-Jamalani, comandante delle guardie presidenziali, riferendosi ai miliziani houti entrati nel palazzo presidenziale. I ribelli alla fine sono riusciti ad occupare la sede governativa dopo violenti scontri con la guardia presidenziale e dopo aver bombardato anche l’abitazione del presidente Abed Rabbo Mansour Hadi, che ha fatto perdere le sue tracce.

In realtà la situazione dello Yemen era allo sbaraglio da diverse settimane: l’unica città ad essere sotto il controllo governativo era la capitale, che ora si trova nelle mani delle milizie dei ribelli. La situazione è degenerata il 17 gennaio, quando i ribelli hanno preso in ostaggio Ahmed Awad bin Mubarak, capo di gabinetto del presidente Hadi, responsabile del dialogo nazionale tra le forze politiche e i gruppi etnici del paese.

La comunità internazionale è preoccupata, tanto che diverse ambasciate sono state chiuse e il Consiglio di Sicurezza dell’Onu si è riunito a porte chiuse. “Grave preoccupazione” è stata espressa dal segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon durante la riunione. Ban Ki-moon ha anche lanciato un appello affinché sia ristabilita l’autorità delle legittime istituzioni di governo.

Categorie: Medio Oriente, Politica
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 14.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.