Al via il 19 luglio la V edizione del LampedusaInFestival

12.07.2013 - Redazione Italia

Al via il 19 luglio la V edizione del LampedusaInFestival
(Foto di Wikimedia Commons)

Cinque giorni di cinema e documentari accompagnati da dibattiti, musica, mostre, spettacoli e incontri con gli autori.

Prende il via giovedì prossimo e fino al 23 luglio il LampedusaInFestival, diventato ormai un consueto appuntamento estivo all’insegna del cinema, della musica e del teatro. Come nelle scorse edizioni, durante il Festival verranno presentati e premiati i vincitori del concorso cinematografico sulle migrazioni per documentari, corti e lungometraggi, dedicato quest’anno al tema Migrare: Le ragioni di una “scelta”al quale hanno partecipato oltre 80 artisti di varie nazionalità.

Le opere finaliste, selezionate dal regista etiope Dagmawi Yimer e dall’associazione culturale Askavusa, saranno proiettate al pubblico dal 20 al 23 luglio e valutate da una giuria internazionale coordinata da Silvestro Montanaro e composta da Ubax Cristina Ali Farah, Mohamed Arafat, Emily Jacir e Filippo Pucillo.

In questa edizione, “si parlerà delle cause che spingono migliaia di persone a lasciare la propria casa. Si parla spesso di immigrazione come un fatto acquisito e inevitabile, noi pensiamo invece che sia un effetto delle politiche estere delle nazioni ‘occidentali’ e di un sistema finanziario internazionale fondato sulla mercificazione dei beni come degli esseri umani” affermano gli organizzatori. “Vedendosi limitare la libertà di movimento, i migranti diventano merce per le organizzazioni criminali e da quel momento si avvia un circolo infernale. I barconi spesso si trasformano in bare, i migranti diventano merce per i centri di accoglienza che fanno profitti sulla loro pelle, merci per chi li sfrutta nei campi o nelle fabbriche, merce per i politici che usano l’immagine stereotipata dell’immigrato per i propri fini elettorali”.

Durante il festival saranno proiettati alcuni film fuori concorso che si caratterizzano per l’attinenza a temi sociali di forte impatto come i tre documentari di Silvestro Montanaro (La mia famiglia, Vi ho tanto amato, Sankara e quel giorno uccisero la felicità), Questo vento di Gilles Reckinger e Once the sea was covered with water di Lorenzo Sibiriu e Giacomo Orsini.

Oltre al cinema anche quest’anno spazio alla musica e al teatro. Il cartellone prevede inoltre diverse presentazioni di libri e incontri con gli autori come Parole fuori luogo di Mohamed Ba e Lampedusa. Begegnungen am Rande Europas di Gilles Reckinger. In programma anche l’inaugurazione delle prime attività del Museo delle migrazioni di Lampedusa e Linosa.

Il festival è organizzato e curato dall’Associazione culturale Askavusa di Lampedusa insieme a Rete dei Comuni Solidali (ReCoSol), Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI) e AMM – Archivio delle Memorie Migranti, con la collaborazione di BSA, InMigrazione, ARCI, Amnesty International.
Per info e programma.

Maria Rita Porceddu

http://www.immigrazioneoggi.it

Categorie: Cultura e Media, Diversità
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.