Nuove vie verso il cambiamento

07.11.2012 - Il Cambiamento

Nuove vie verso il cambiamento

“Un Nuovo Umanesimo per una Nuova Civiltà”. Questo il titolo del III Simposio Internazionale organizzato dal Centro Mondiale di Studi Umanisti e che si è svolto dal 2 al 4 novembre al Parco di Studi e Riflessione di Attigliano (Terni). Al centro della tre giorni la ricerca di nuove vie verso un reale processo di cambiamento.

Una tre giorni densa di incontri e di momenti di riflessione che ha visto la partecipazione di diversi esponenti del mondo scientifico, di professori, di ricercatori, di studiosi e di specialisti di varie discipline, di attivisti del mondo sociale oltre che la presenza di un pubblico attento, critico e molto interessato ad ascoltare ed interagire alla ricerca di nuove vie verso un reale processo di cambiamento.

La profonda crisi umana e sociale che il mondo sta vivendo è da cogliere come un’opportunità ed una possibilità per evolvere differentemente. Un cammino che può essere intrapreso sotto la spinta di nuova sensibilità che oggi non è più esclusivamente quella di anime illuminate o di minoranze isolate, ma che, spinta dal malessere sociale globale, si è sviluppata trasversalmente tra gli individui divenendo planetaria.

Una nuova strada percorribile dunque per cambiare il paradigma esistente e creare una nuova civiltà, nuove visioni e nuove maniere di vivere il reale nel quale, dopo le recenti epoche che hanno affermato un individualismo intemperante, devono necessariamente trovare una collocazione centrale, una nuova concezione di uomo, una nuova umanità e un nuovo umanesimo.

Dal Simposio è emersa la necessità di tracciare un tragitto tanto arduo quanto sfidante che, partendo dalle basi conoscitive esistenti ed evidenziando il bisogno di creare una nuova conoscenza multidisciplinare, riesca a fare convergere intelligenze e potenzialità cooperative e riesca a porre le fondamenta di una coscienza attiva e intenzionale capace di contribuire ad un processo evolutivo dell’essere umano e a un reale cambiamento sociale. Non più dunque la segregazione e la separazione delle discipline o gli approcci frammentati e a compartimento stagno, ma lo sviluppo di un’interdisciplinarità d’insieme per affrontare i problemi e le complessità del mondo degli individui.

L’essere umano come valore e come elemento centrale. Il rispetto e la dignità della persona e della diversità, il ripudio della violenza e l’affermazione delle libertà devono costituire i punti cardine di un nuovo umanesimo che non può delegarsi ai partiti politici, alle vecchie classi dirigenti obsolete sia culturalmente che intellettualmente, ma che deve essere il frutto di un’autonoma iniziativa solidale e solidaristica di semplici cittadini, di imprenditori, di scienziati, di economisti, di lavoratori.

Azioni sinergiche che possano portare ad un nuovo concetto di progresso umano che getti le basi per una consapevolezza differente, quella delle inesplorate potenzialità dell’individuo. Da lì, il passo successivo può dirigere verso il risveglio della spiritualità, non necessariamente intesa come religione, ma come insieme di valori etici e sociali, e la determinazione di un diverso un equilibrio tra spiritualità e scienza.

Abbiamo avuto l’opportunità di discutere con alcuni dei relatori del Simposio mondiale e vi proponiamo degli estratti delle loro interviste.

di Dario Lo Scalzo

Categorie: Cultura e Media, Europa, Internazionale, Umanesimo e Spiritualità
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.