Osservatorio Solidarietà

L'Osservatorio Carta di Milano: La solidarietà non è reato è composto da attivisti, giornalisti, giuristi, cittadini solidali, esponenti di Ong e associazioni e ha il proposito di tutelare l’onorabilità, la libertà e i diritti della società civile in tutte le sue espressioni umanitarie: quando salva vite in mare; quando protegge e soccorre le persone in difficoltà ai confini; quando vigila sul rispetto del principio di legalità e di uguaglianza; quando denuncia il mancato rispetto dei diritti fondamentali nelle procedure di trattenimento amministrativo e di allontanamento forzato; quando adempie al dovere inderogabile di solidarietà che fonda la Costituzione italiana.

Revocare la zona SAR libica: lettera aperta all’IMO di ONG, europarlamentari, privati cittadini

Via il riconoscimento formale della zona SAR libica: è il contenuto della lettera aperta inviata il 30 giugno all’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) da parte di StateWatch e Osservatorio solidarietà – Carta di Milano e sostenuta da 300 firme tra associazioni internazionali e…

Siamo finalmente ad una svolta in tema di regolarizzazione dei migranti irregolari?

Circola in questi giorni quella che per ora è solo una bozza di una nuova normativa tesa a regolarizzare i migranti irregolari. E questa è già di per sé una buona notizia. Che non arriva certo troppo presto, visto che…

Regolarizzare i lavoratori stranieri, un bene per tutti

Osservatorio Solidarietà – Carta di Milano si unisce alle tante voci di associazioni e di singoli che chiedono la regolarizzazione dei numerosi lavoratori stranieri presenti sul territorio italiano, molti dei quali impiegati in nero nell’agricoltura nazionale e abbandonati nei ghetti…

Libia, appello urgente contro rinnovo accordo

Appello al Presidente della Repubblica italiana e ai parlamentari tutti La sentenza della Corte d’Assise di Milano del 10 ottobre 2017, depositata il 1° dicembre 2017, documenta in modo molto approfondito la disumana realtà dei campi di detenzione libici, ove…

La questione curda e la chiusura del cerchio nella guerra ai profughi

Siamo in una fase in cui la distruttività delle attuali politiche contro l’immigrazione è all’ordine del giorno. Gli abusi e le morti di persone non europee provocate colpevolmente dall’Unione Europea e dai suoi stati sono note da vari decenni, ma…

Sea Eye: far sbarcare profughi subito. Libia e Tunisia non sono porti sicuri

Il 3 aprile 2019, la nave Alan Kurdi della Ong Sea Eye ha soccorso 64 migranti. Tra loro 10 donne, 5 bambini e 1 neonato. Poche ore prima si era diffusa la notizia di un’altra imbarcazione di fortuna, con una cinquantina di…

Torre Maura, la guerra tra poveri e la destra che accende il fuoco

A Torre Maura, estrema periferia di Roma, si è sfiorata la strage. Nella notte tra il 2 e il 3 aprile la sindaca di Roma è dovuta intervenire insieme alle forze dell’ordine per impedire che la protesta di alcuni cittadini…

Mercantile, dirottamento per necessità e discorsi d’odio: comunicato di solidarietà di OS

L’Osservatorio Solidarietà – Carta di Milano esprime la propria solidarietà ai cinque profughi arrestati dalle autorità maltesi a bordo della petroliera El Hiblu 1 con l’accusa di aver costretto il comandante della nave a deviare il suo percorso verso Tripoli, dove intendeva…

Salvini e il travisamento sistematico della verità

Il Ministro dell’Interno minaccia un procedimento giudiziario per traffico di migranti contro l’equipaggio della Sea-Watch, rea di aver messo in salvo 47 naufraghi. Matteo Salvini, che dovrà rispondere di sequestro di persona come richiesto dal Tribunale dei Ministri, ha tentato ancora una…

Lucano: giudizio prima del processo, grave confino come ai mafiosi

La nuova misura punitiva inflitta a Domenico Lucano, il divieto di risiedere nel Comune di Riace di cui è tuttora sindaco, mira a equipararlo di fatto a un pericoloso mafioso. La misura è infatti quella con cui in genere si…

1 2