Salariati Smic (salario minimo garantito), originari di classi popolari, ora nuovi deputati vogliono introdurre qualche diversità al Palazzo Bourbon (la sede della Camera dei deputati a Parigi) e sostenere la lotta dei più fragili. Rachel Keke, donne delle pulizie negli alberghi IBIS-Accor, Mathilde Hignet, bracciante, o Andy Kerbrat, tutti eletti con la NUPES, raccontano le loro prime impressioni.

Per lei, lunedì 20 giugno doveva essere un giorno ordinario. La vigilia del secondo turno delle elezioni, Rachel Keke, 48 anni, pensava di dover andare a lavorare all’hôtel, dopo la parentesi della campagna per le elezioni legislative, vittoria o no.

Rachel Keke, la donna delle pulizie dell’Ibis Batignolles, candidata per la Nuova Unione popolare ecologica e sociale (NUPES) nella regione parigina, s’è fatta conoscere dal grande pubblico per aver tenuto testa 22 mesi alla multinazionale Accor. Vincendo contro l’ex-ministra degli sport Roxana Maracineanu domenica 19 giugno, è diventata deputata. E lunedì, finalmente, è rimasta a casa a riposarsi dopo una campagna elettorale molto faticosa.

Non è la sola rappresentante di questa Francia che guadagna lo Smic, o un po’ di più, a diventare deputata.

A Nantes, Andy Kerbrat (Nupes), 31 anni, ha esaurito le sue vacanze per fare campagna elettorale senza prendere giorni non pagati. Il giorno prima delle elezioni, lavorava ancora nel call center che lo assume.

Mathilde Hignet (Nupes), 29 anni, lavora nell’agricoltura e ha appena vinto il seggio del 4° collegio elettorale di Ille-et-Vilaine. Figlia di contadini, tra i pionieri del biologico, lavora nell’azienda agricola di famiglia in un piccolo paese a nord di Redon, part-time, per il salario minimo. Per finire la campagna in buone condizioni, ha preso un congedo non retribuito.

La coalizione di sinistra si è impegnata a far emergere queste poche figure della Francia popolare, “persone che non sono niente” secondo le parole di Macron.

E il partito della sig.ra Le Pen ha imitato questa strategia candidando e facendo eleggere Lisette Pollet, 54 anni, che ha lavorato in diverse imprese di pulizia, eletta a Montélimar. Nell’Allier, nella sorpresa generale, Jorys Bovet, autista per la consegna di pacchi, 29 anni, è stato eletto deputato nella II^ circoscrizione e sarà il primo rappresentante di questo mestiere al Parlamento.

Nel 2017, Emmanuel Macron e i suoi hanno promesso il rinnovamento del Parlamento. Ma i nuovi eletti macroniani provenivano principalmente dalle classi sociali superiori: oltre il 54% erano dirigenti di imprese private o delle libere professioni. Invece nessun lavoratore: i dipendenti occupavano solo l’1% della Camera dei deputati, sebbene rappresentino la metà della popolazione attiva. La storia di Caroline Fiat (del partito di Mélenchon), infermiera tornata a lavorare all’ospedale durante il primo confinamento ha quindi fatto scalpore.

Il sociologo Étienne Ollion, che ha lavorato sui deputati eletti nel 2017, ricorda il vantaggio della diversità sociale nell’Assemblea nazionale, anche se è necessario andare oltre i simboli. «Questo ti permette di avere punti di vista diversi, anche se non devi essere donna o avere una disabilità per essere sensibile alle materie che li riguardano». Senza di loro, è difficile pensare che queste domande saranno rappresentate. Quando si prelevano 5 euro dall’APL, per alcune famiglie è qualcosa, è una vera aggressione. Se qualcuno che conosceva questa realtà l’avesse detto, la cosa avrebbe potuto essere vista diversamente».

La mia presenza gli permetterà di abituarsi ai mestieri essenziali (Rachel Keke)

Autore del libro Métier: député (Raisons d’agir), scritto insieme a Julien Boelaert e Sébastien Michon, il sociologo segnala che un profilo come quello di Rachel Keke non fosse più accettato da quasi trent’anni. Ricordiamo, ad esempio, il comunista Patrice Carvalho, l’unico deputato della classe operaia eletto arrivato in tuta da lavoro al Parlamento nel 1997, e coperto da denigrazioni. Rimase del tutto solo.

Étienne Ollion spiega che “negli anni Cinquanta e Sessanta il Partito Comunista e, in misura minore, il Partito Socialista promuovevano i lavoratori, che prima diventavano delegati sindacali a diversi livelli. Non erano novizi in politica, erano saliti di grado. Meno importante era la resistenza”. La devitalizzazione del PCF alle urne e la professionalizzazione della politica hanno messo fine a tutto questo.

Oggi, Rachel Keke, 48 anni, originaria della Costa d’avorio e naturalizzata nel 2015, alleva da sola cinque figli. E’ riuscita a guadagnare «1.700 o 1.800» euro dopo la sua lotta accanita contro il gruppo Accor. Diventata una figura della lotta sociale, la Nupes le ha proposto di candidarsi, ma non aveva mai immaginato di diventare deputata.

Lei vuole rappresentare al meglio le classi lavoratrici e perché no, essere emulata. “Si fa credere alla gente che per essere un deputato devi avere una laurea. Voglio dimostrare che questo è sbagliato e che questo sistema non è eterno. L’Assemblea nazionale è il luogo in cui si esprime il popolo, non è normale che non ci siano operai, cameriere, donne delle pulizie o addetti alla sicurezza. La mia presenza permetterà loro di abituarsi ai mestieri essenziali».

Chi afferma “un livello CM2” non teme il suo arrivo al Palais-Bourbon. Ha affrontato di peggio, anche se si aspetta che i “lupi” la accolgano, e si dice pronta ad affrontare l’ostilità di un mondo politico di cui non ha codici e di cui qualifica le pratiche come infantili. Quello che conta, risponde, è portare “il salario minimo a 1.500 euro”.

Non appena è stata eletta, Rachel Keke ha promesso a se stessa che avrebbe parlato con le donne delle pulizie della Camera dei deputati per assicurarsi che abbiano buone condizioni di lavoro. Una lotta già avallata dal collega François Ruffin.

Lei ha individuato diverse priorità per il suo mandato: la lotta contro l’alto costo della vita prima di tutto. A Chevilly-Larue, durante la sua campagna, ha sentito le lamentele delle famiglie con scoperto perpetuo, che non vanno mai in vacanza o non possono riempire un carrello della spesa. “Quando andiamo in negozio compriamo per 200 euro, ma quando torniamo a casa è come se avessimo fatto la spesa per 50 euro. L’olio di girasole costa cinque euro, non è possibile…”

Vuole anche richiamare l’attenzione dell’esecutivo sullo “scandalo” della mancanza di sostituti nell’istruzione nazionale: sua figlia non ha lezioni di francese da quattro mesi.

Mathilde Hignet, è cresciuta in una famiglia di quattro figli che non conoscevano l’opulenza, anche se i suoi genitori ci sono sempre riusciti. L’agricoltore ne esce soprattutto perché auspica un consumo ragionato, acquistando il meno nuovo possibile o sfruttando l’orto di famiglia.

La nuova deputata “è stata immersa nell’ambiente militante fin dall’infanzia, perché era militanza ambientarsi in un modello agricolo che non è maggioritario”. Ma il resto della sua traiettoria si svolge nel mondo associativo, in particolare all’interno del Mouvement rural de jeunesse chrétienne (MRJC) per il quale ha assunto responsabilità locali e poi dipartimentali.

In effetti, spera di poter sollevare questioni come la precarietà tra gli agricoltori. “La loro condizione mi importa molto perché conosco il lavoro e ci sono molti agricoltori che non stanno bene e sono alla RSA. È inaccettabile che il prodotto del loro lavoro non sia remunerato al giusto prezzo».

Inoltre, dopo aver conseguito il diploma di maturità agraria, Mathilde Hignet ha frequentato l’università nella speranza di diventare una psicologa per agricoltori, sconvolta dall’alto numero di suicidi. Durante le sue visite porta a porta, è rimasta colpita anche nel vedere i pensionati locali raccontarle delle loro difficoltà con una pensione di 1.000 euro.

Freni per impedire l’emergere di nuovi profili

Andy Kerbrat lavora in un call center di Nantes. Non è un novellino totale, poiché rappresenta i ribelli locali ed è nel sindacato CGT (la CGIL francese), discendente da una famiglia storicamente di sinistra, “con bisnonni comunisti e nonni socialisti”.

Per un contratto a tempo indeterminato riceve 1.300 euro. Gli sarebbe piaciuto trovare un lavoro a tempo pieno, “ma non c’è più nel mondo delle piattaforme telefoniche…” Così per arrotondare lo stipendio, ha accettato di lavorare il sabato per avere la maggiorazione annessa. “In termini di potere d’acquisto individuale, è stato significativo».

Non ci vuole uno sforzo di immaginazione per conoscere le vite difficili di alcuni dipendenti. “A volte dico scherzosamente che il terziario è il nuovo proletariato. Abbiamo la logica dei numeri. Se non faccio le mie 30 chiamate al giorno vengo sgridato, se mi prendo troppo tempo di pausa durante il giorno vengo sgridato. Il giorno dopo la sua vittoria, il neo-deputato è andato a portare il suo licenziamento al datore di lavoro.

Andy Kerbrat ha un pensiero per i suoi colleghi, oltre che per i suoi elettori. “Mi sento obbligato in relazione al punteggio [56% al secondo turno – ndr] e al fatto che provengo da questa classe salariata. Lì entreremo nella battaglia della legge sul “potere d’acquisto”, per portare avanti le proposte della Nupes sul blocco dei prezzi e sul salario minimo. Macron vuole affrontare gli effetti e non la causa. La nostra lotta sarà rappresentare la dignità delle classi lavoratrici».

Questo figlio di un’insegnante e di una madre lavoratrice non brillava a scuola, confessa. Ha navigato tra diversi lavori estenuanti prima di approdare nel suo attuale lavoro otto anni fa. “La garanzia dell’autonomia mi parla».

Vive con un coinquilino in una città dove il prezzo degli immobili è in aumento e dove bisogna avere dei garanti. Vorrebbe comprare un appartamento, ma le sue possibilità di prestito sono basse. Andy Kerbrat avrebbe dovuto allontanarsi dal centro città e usare l’auto per lavorare: l’attività non sarebbe stata redditizia.

Esistono freni, osserva il sociologo Étienne Ollion, per impedire l’emergere di tali profili, e non poco pesanti. La questione finanziaria è la prima a entrare in gioco: prima di lanciare una campagna elettorale, bisogna poterla finanziare, anticipare migliaia di euro, senza certezza di rimborso. “Anche se il partito può aiutare, devi saperlo. Per non parlare del fatto che prendere un prestito quando sei un piccolo lavoratore dipendente o disoccupato è una sfida».

Per finanziare la sua campagna, Mathilde Hignet ha investito nei suoi “piccoli risparmi”, prima che le donazioni e i prestiti degli attivisti completassero la somma necessaria.

In Parlamento tutti parlano la stessa lingua, il francese delle classi superiori. (Etienne Ollion, sociologo)

Andy Kerbrat non ha ottenuto un prestito dalla banca. “Sono sempre cauti, soprattutto quando sentono «France insoumise” (il partito di Mélenchon). Gli attivisti hanno prestato denaro al candidato. “La nostra grande forza è avere questo tessuto militante pronto a impegnarsi così finanziariamente per un compagno».

Da questo mese queste/ i nuovi eletti cambieranno totalmente la loro vita quotidiana e il loro livello di vita aumenterà notevolmente. L’indennità di parlamentare è di 5.679,71 euro netti.

Ognuno dovrà anche gestire delle équipes. Per pagare i propri assistenti, ogni parlamentare ha un assegno di 10.581 euro al mese. I tre nuovi parlamentari ne sono consapevoli, ma spiegano che non ci hanno pensato più di tanto.

«I candidati delle classi lavoratrici o medie possono anche non sentirsi competenti o legittimati a intervenire negli affari pubblici, come ha mostrato Daniel Gaxie nelle sue ricerche degli anni ’80.

“La competenza politica dipende dalla tua posizione nella gerarchia sociale, c’è un effetto rete, aggiunge Étienne Ollion. Quando si arriva a un partito dove tutti sono formati con una laurea, chi non studia da molto tempo si sentirà fuori posto. Alcuni avranno difficoltà ad esprimersi in pubblico, per esempio. In Assemblea tutti parlano la stessa lingua, il francese delle classi superiori».

Secondo il sociologo, per ottenere un’assemblea più rappresentativa, si dovrebbe avere aspettative al posto giusto. “Dobbiamo presumere che questi novizi imparino a parlare in pubblico, siano aiutati e accettino che non tutti dovrebbero conoscere il primo anno tutto il funzionamento del PLFSS”, il disegno di legge sul finanziamento della previdenza sociale.

Da parte sua Caroline Fiat aveva denunciato il disprezzo di classe di cui era stata vittima da parte dei suoi colleghi alla Camera dei deputati. I macronisti l’hanno soprannominata «diploma-2».

Rachel Keke dice che non capire lo sguardo dei suoi colleghi, né le loro osservazioni. Sa che sarà sostenuta da altri parlamentari come Danièle Obono o François Ruffin. Da parte sua, Andy Kerbrat è ansioso di battersi in Assemblea. “Dobbiamo riuscire a liberare il patriarcato e riuscire a cambiare le nostre modalità di rappresentanza, quella sarà la grande battaglia di questo mandato».

Come le altre, Mathilde Hignet non vuole inserirsi negli schemi, nonostante uno sforzo. “Ho tirato fuori dall’armadio una giacca, che indossavo a tutte le riunioni. Ma per il resto, ho tirato fuori il mio grande zaino perché è più pratico di una borsetta. Non vedo perché dovrei cambiare perché sono un parlamentare. Durante la campagna, le persone continuavano a dirmi che parlavo come loro e che ero consapevole del costo della vita».

Il lavoratore agricolo si sente legittimo come qualsiasi altro parlamentare. Quindi si dà il tempo di “atterrare” e capire un po’ meglio i codici, si rassicura dicendo che bisogna “cominciare da qualche parte” e che non sarà sola.

Tratto dall’articolo di Faïza Zerouala https://www.mediapart.fr/journal/france/210622/des-gens-qui-ne-sont-rien-entrent-l-assemblee-nationale (traduzione di Salvatore Palidda)

Vedi anche

– Donne di pulizia dell’Ibis Batignolles: la festa dopo la vittoria: https://www.youtube.com/watch?v=PhipE4XQTqc

– Ibis Batignolles: “In questa lotta ho appreso la dignità”: https://www.youtube.com/watch?v=NE2Opjh-0QE

– Rachel Keke, dalla lotta alla politica:

https://www.youtube.com/watch?v=iMvQqRToV0E