Seoul, 1o marzo 2022. Su invito di un’organizzazione giovanile conosciuta come International World in Korea (IWIK), un’organizzazione affiliata al governo metropolitano di Seoul, residenti e stranieri hanno commemorato la giornata del Movimento per l’indipendenza della Corea.

Il 1° marzo 1919, un gruppo di intellettuali coreani si riunì in un ristorante di Seul per presentare formalmente al mondo la Dichiarazione di indipendenza coreana dall’occupazione coloniale giapponese.

Kalkidan Miheretu, leader del team dell’organizzazione e studentessa etiope presso la Korea University di Seoul, ha invitato i partecipanti ad alzarsi in piedi per mostrare riverenza per gli eroi che hanno sacrificato le loro vite per l’indipendenza e la libertà del loro amato paese dagli oppressori. Questo è stato seguito da un momento di silenzio per il popolo ucraino che è invaso dall’esercito russo.

Kalkidan, nella sua interessante presentazione sul significato storico del movimento del 1° marzo per il nazionalismo moderno dei coreani, ci ha ricordato il contesto storico dell’occupazione e le lunghe lotte del popolo in seguito. Ha evidenziato come sono finite le relazioni dolorose dei due paesi. Dopo anni di guerra, la Corea fu annessa dall’Impero del Giappone nel 1910. La guerra alla cultura coreana continuò anche dopo l’annessione. Le scuole e le università proibirono di parlare coreano. Fu dichiarato un crimine insegnare la storia da testi non approvati. Le autorità bruciarono più di 200.000 documenti storici coreani nel tentativo di cancellare la memoria storica della Corea. Furono enfatizzati il lavoro manuale e la fedeltà all’imperatore. C’era anche un diffuso sospetto che l’ex imperatore Gojong fosse morto per avvelenamento.

È stato ricordato che il movimento è stato ispirato da un discorso del presidente americano Woodrow Wilson alla conferenza di pace di Parigi nel gennaio 1918, che delineava il diritto all’autodeterminazione nazionale. Gli studenti coreani che studiavano a Tokyo pubblicarono una dichiarazione che chiedeva la libertà dal dominio coloniale.

Il 1° marzo 1919, alle 2 del pomeriggio, 33 attivisti che formavano il nucleo del movimento si riunirono al ristorante Taehwagwan a Seoul. Hanno letto ad alta voce la Dichiarazione d’Indipendenza Coreana che era stata disegnata dallo storico Choi Nam-Seon, hanno firmato il documento e inviato una copia al Governatore Generale.

Dopo aver letto la dichiarazione, i leader del movimento hanno telefonato alla stazione centrale di polizia, hanno informato la polizia delle loro azioni e sono stati poi arrestati pubblicamente.

Ecco la traduzione della dichiarazione:

“Con la presente proclamiamo l’indipendenza della Corea e la libertà del popolo coreano. Proclamiamo questo a tutte le nazioni del mondo in testimonianza di qualità umana. Lo proclamiamo ai nostri discendenti affinché possano godere in perpetuo del loro diritto intrinseco alla nazione. Nella misura in cui questa proclamazione ha origine dalla nostra storia di cinquemila anni, nella misura in cui scaturisce dalla lealtà di venti milioni di persone, nella misura in cui afferma la nostra libertà eterna, nella misura in cui esprime il nostro desiderio di prendere parte all’anelito globale per la riforma del progresso radicata nella coscienza umana, è la volontà solenne del cielo, la grande marea della nostra epoca, e un atto giusto necessario per la coesistenza di tutta l’umanità. Pertanto, nessun potere in questo mondo può ostacolarlo o sopprimerlo!”

A partire da Seul e presto diffuso in tutto il paese, fu considerato un punto di svolta del Movimento di resistenza della Corea, poiché causò la creazione di raduni anti-giapponesi a livello nazionale. I sentimenti anti-giapponesi repressi dei coreani furono liberati in un’unica grande esplosione, e manifestazioni di massa ebbero luogo in molte parti del paese, formando il più grande raduno nazionale di protesta contro la dominazione straniera nella storia coreana.

Circa 7.000 persone furono uccise dalla polizia e dai soldati giapponesi, e 16.000 furono ferite. 715 case private, 47 chiese e 2 edifici scolastici furono distrutti dal fuoco. Circa 46.000 persone furono arrestate, di cui circa 10.000 furono processate e condannate. Prima che i giapponesi sopprimessero definitivamente il movimento 12 mesi dopo, circa 2.000.000 di coreani avevano partecipato a più di 1.500 manifestazioni.

Ingresso al Seoul National Cemetery dove sono sepolti gli attivisti.

La presentazione ha rilevato che, sebbene il movimento non sia riuscito a realizzare il suo obiettivo principale dell’indipendenza nazionale, è stato significativo per il rafforzamento dell’unità nazionale, la diffusione dei movimenti indipendentisti in altri governi locali, e l’istituzione del Governo Provvisorio della Repubblica di Corea a Shanghai nell’aprile 1919 dopo l’esilio dei leader del movimento coreano in diverse parti della Cina, dove hanno continuato le loro attività.

Il 24 maggio 1949, il Giorno del Movimento del 1° marzo fu dichiarato festa nazionale in Corea e da allora è stato celebrato con la lettura della Dichiarazione d’Indipendenza del 1919 nel Pagoda Park di Seul, l’innalzamento della bandiera coreana nelle case, nei luoghi di lavoro e nelle istituzioni e con l’organizzazione di diverse parate, concerti e mostre per commemorare la giornata.

L’evento è stato presentato da International World in Korea (IWIK), un’organizzazione di scambio internazionale composta da stranieri e giovani coreani. È stata avviata come un piccolo gruppo nel 2012 e attualmente gestisce vari programmi di scambio e cooperazione attraverso la comunicazione con numerosi membri, a livello locale e internazionale. Il rappresentante di IWIK, Sol Kim, ha spiegato all’evento la missione della sua organizzazione, che si sta sforzando di promuovere lo spirito di cittadinanza globale attraverso collaborazioni e scambi tra stranieri in Corea e giovani locali e favorendo la cooperazione attraverso varie attività di volontariato. Ha anche aggiunto che la loro organizzazione ha recentemente condotto diverse attività di volontariato con gli stranieri in Corea per diffondere un’influenza positiva sulla società e rafforzare gli scambi tra la Corea e altri paesi attraverso la cooperazione con il governo coreano, istituzioni, organizzazioni, agenzie stampa e ambasciate.

Traduzione dall’inglese di Raffaella Forzati. Revisione di Thomas Schmid.