Milano 25 giugno. Sabin Day, giornata di mobilitazione internazionale straordinaria quella di domani, sabato 26 giugno, con tante iniziative locali, per la raccolta firme della Campagna Right2cure – No profit on pandemic: A Milano, appuntamento alle Ex Cisterne (Porcellino) di Fabbrica del Vapore, con l’inaugurazione alle 18,30 della mostra Art . 32 – Salute Pubblica Bene Comune“, sulla drammatica esperienza del COVID, promossa da Acea OdV, con dibattito e raccolta firme. Figlia della drammatica esperienza dell’epidemia di Covid19, la mostra nasce nell’estate del 2020 su iniziativa di un gruppo di graphic designer. Prendono così vita 40 manifesti dedicati al cuore dell’Articolo 32 della Costituzione: la salute pubblica come bene comune.

Lobiettivo della giornata di mobilitazione è liberare, almeno temporaneamente, i vaccini anti Covid dai brevetti, così come fece il grande scienziato Albert Sabin, che rinunciò al brevetto del suo “miracoloso“ vaccino contro la poliomielite. In un periodo durissimo, come quello della guerra fredda, mise il suo vaccino gratuitamente a disposizione di tutti, riuscendo così a salvare l’umanità da questa tremenda malattia, rinunciando agli ingenti proventi del brevetti, cosa che ai giorni nostri le aziende farmaceutiche produttrici dei vaccini non pare abbiano intenzione di fare, spalleggiate da alcuni potenti della terra, compresa la UE nonostante la pressione internazionale, la scesa in campo di oltre cento paesi, di grandi personalità della scienza, della cultura e della politica, di centinaia di ONG e nonostante la gravità della situazione, soprattutto nei paesi del Sud del mondo, dove solo lo 0,8% delle persone è stato vaccinato.

Nel dibattito sono previsti gli interventi di Vittorio Agnoletto – Medico, attivista e accademico, Coordinatore della campagna “Diritto alla Cura”; Chiara Birattari– Presidente Associazione Smarketing ETS, promotrice ART32.IT; Marco Caldiroli – Presidente Medicina Democratica; Rossella Miccio – Presidente EMERGENCY; Clara Sistilii – Socia fondatrice BVE, Brigate Volontarie per l’Emergenza-Milano. Al centro la salute pubblica come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, come recita l’art. 32 della Costituzione Italiana, così duramente messo a dura prova dalla pandemia, ma soprattutto dalle inefficienze e gravi carenze del sistema sanitario pubblico, che va garantita oggi mettendo i vaccini a disposizione di tutti, in tutti i paesi del mondo.

Nel corso della mostra, che resterà aperta fino al 29 agosto, sarà presente un banchetto per la raccolta cartacea e on line delle firme per la Campagna Right2cure – No profit on pandemic dell’ICE, Iniziativa Cittadini Europei: obiettivo la raccolta di un milione di firme per costringere l’UE a modificare il proprio atteggiamento nei confronti dei brevetti dei vaccini, attualmente contrario, nonostante il voto favorevole del Parlamento Europeo.